BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |


ANDREA BARBAZZA

Acque tranquille


E, all'improvviso, la calma.
Settimane, mesi di vento teso,
vento che strappa le vele e le carni.
Occhi che lacrimano, lacrime che s'asciugano,
occhi che lacrimano di nuovo. Vento.
Come può un marinaio affrontare tutto ciò,
come può restare senza casa,
come può rimanere sulla tolda ancora,
      ed ancora, ed ancora... legno bagnato, mare legnoso.
Senza più carne, senza più lacrime, senza più casa,
solo mare, solo legno, solo vento.
Tu, baia senza angosce,
tu, mia baia, casa mia.

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|