| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 1014° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Avevo ragione io


Avevo ragione io, a fidarmi del Nuovo e Radioso Governo.
E chi metteva in dubbio il suo operato è solo un enorme imbecille (ad esempio, massaie, così diverse dalla Sua mamma, Sua di Lui, ovviamente: vedi sotto).
Oppure distratto (ad esempio, il ceto medio che non s'è accorto che l'incremento degli stipendi è stato superiore all'inflazione - mediamente, penso... il mio non s'è mosso moltissimo... ma sicuramente sono un caso rarissimo - ).
Oppure in malafede (ad esempio, Eurispes, che continua una campagna denigratoria e falsa sull'impoverimento degli italiani: "menzogne infinite").

Dal Suo (Suo di Lui, ovviamente) opuscolo blu "Il governo Berlusconi sta cambiando l'Italia", presentato da Lui (Lui proprio Lui, ovviamente) ieri (senza contraddittorio, ovviamente!) dal suo amicone Bruno Vespa, a "Porta a porta":
- "In nessuno dei 24 altri paesi dell'Unione Europea sarebbe consentito ai magistrati di scioperare. Non si può accettare, in un regime democratico che pone la separazione dei poteri, che l'ordinamento giudiziario intervenga con uno sciopero su un ddl in discussione in Parlamento, cioè contro il Parlamento stesso.[...] Noi non vogliamo rendere più difficile il lavoro dei magistrati noi vogliamo una giustizia giusta in cui il cittadino possa affrontare il processo avendo di fronte un magistrato che si muove con un approccio imparziale e non con un pregiudizio politico.".
- "Il ceto medio consuma come prima, l'incremento degli stipendi e dei consumi è stato superiore all'inflazione.[...] Nonostante la situazione economica la pressione fiscale globale sulle famiglie si è ridotta del 7,5 per cento.[...] C'è stato un arricchimento generale del Paese.[...] Abbiamo il pil all'1,7 per cento, avevamo previsto l'1,8 per cento, e speriamo di andare oltre il 2 per cento per arrivare ad un più 3 per cento nel 2005.".
- "Non avere l'euro in banconota è Stato un disastro.[...] Nei Paesi del Nord Europa i cittadini erano abituati alle monete, noi no.[...] Chiediamo che la banconota da un euro sia concessa, e chiediamo alla sinistra di sostenerci".
- "La mia mamma, anche ora lo fa, percorreva tutto il lato destro e poi tutto il sinistro del mercato, informandosi sui prezzi della merce. Poi, quando aveva un panorama chiaro delle offerte, comprava. Ecco, questo s'ha da fare".
- eccetera

Insomma, se non l'avete ancora capito, Lui è un eroe, il Nuovo e Radioso governo un treno, L'Italia è il Paese del Bengodi (rovinato da pessimisti e magistrati eversivi), le massaie di oggi sono incompetenti (e, oserei aggiungere io, maledettamente poche: basta con la donna che lavora, basta con le donne single... ad ogni maschio una femmina che gli badi alla casa!), il problema economico è l'euro in moneta anziché su carta, gli stipendi non sono mai stati così alti e l'inflazione mai così controllata.

E se non ci credete, fatti vostri.



Stay, &rea

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|