| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 1022° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Senza commenti

Senza commenti, eccovi oggi un argomento rappresentato da due articoli tratti da "Il Foglio", giornale del più grosso giornalista vivente... uno che pensavamo amico, per di più!
==========================================================================
Il Foglio, 19 febbraio 2004: 'Berlusconi: "Molti professionisti della politica rubano i soldi". Secondo il premier, "molti di loro nella vita pubblica hanno solo chiacchierato e preso i soldi ai cittadini". Duro il segretario dell'Udc, Marco Follini: "Chi fa politica merita rispetto". A proposito di fisco, Berlusconi nega di aver incoraggiato gli evasori: "Ma se vogliamo contribuenti onesti, ci vogliono tasse oneste. Per l'aliquota al 33 per cento servono una o due legislature stabili". E sulle elezioni europee assicura: "Convinceremo gli indecisi con i fatti". Il leader dei Ds, Piero Fassino: "Sfido Berlusconi a un faccia a faccia in tv".'.

Il Foglio, 20 febbraio 2004, editoriale del suddetto grossissimo giornalista: 'Berlusconi come Travaglio
 Si contenga, Cavaliere, e ci consenta: lasci ad altri quel brutto mestiere.

Diverte sempre molto il Cav., quando le spara grosse. Ma dovrebbe contenersi, ci consenta, perché alla fine la sparata sui politici di professione che avevano le pezze al culo e si sono arricchiti l'avevamo già sentita. Non da Atene e non da un presidente del Consiglio in carica, ma al Testaccio, teatro Vittoria, declamata da Marcolino Travaglio, quello dei mattinali e dei girotondi. L'onorevole Berlusconi capirà che non possiamo seguirlo sulla strada della demagogia e della ciarlataneria forcaiola, e più gli siamo amici meno possiamo liquidare la questione con una pacca sulla spalla. Infatti gli siamo amici per una ragione specifica, a parte la simpatia umana che l'uomo attizza in modo invincibile (e quando si rende molesto c'è sempre la sovrana antipatia dei suoi nemici a correggere il nostro malumore): gli siamo amici perché ha impedito l'impresa banditesca di consegnare la democrazia italiana, dieci anni fa, a certi galantuomini in toga che avevano scambiato il dominio della legge con il loro dominio di casta. Come volete che la prendiamo, ora che in nome dell'antipolitica il nostro eroe si mette a fare insinuazioni da bassa procura, indossa una toga piena di pezze e lancia accuse manigolde? La questione morale cosiddetta è stata uno dei più riusciti travestimenti di quel comunismo senza più comunismo che il Cav. denuncia da ogni pulpito. Il processo al sistema e alla democrazia repubblicana, in alternativa alla sanzione di singoli reati, è stato per dieci anni il surrogato occulto della mentalità totalitaria sopravvissuta alla caduta del Muro di Berlino. E adesso dovremmo accettare le monetine del nostro amico garantista? La militarizzazione del sorriso, che avevamo intuito da tempo come strategia di riserva del capo del governo in reazione al feroce assedio a cui è sottoposto da quando ha vinto le elezioni, è alla fine un suo diritto. Ma l'estremismo mattoide va calibrato, per lo meno, su idee che abbiano un qualche sapore liberale, su campagne fantasiose che non invadano con inaudita truculenza il campo bene arato del giustizialismo all'italiana. Che la politica sia genericamente "ladra" è il motivetto cantabile di tutte le filastrocche micromeghiste, è l'inno del partito antiberlusconiano, è la scemenza reazionaria e pusilla sulla quale hanno vissuto, e si sono ingrassati, editori e scrivani della nota lobby. Ne trovi un'altra, Cavaliere, e la pianti di piacersi troppo: ha bisogno con urgenza di un lifting, di una faccia politicamente più credibile '
==========================================================================
Stay?, &rea

P.S.(almeno una notizia positiva fresca fresca: per decreto, Rete 4 è salva fino alla fine d'aprile - e poi ci penseremo noi, vedrete -... la generosità di questo Nuovo e Radioso Governo nei confronti dei lavoratori che rischiano il loro posto è, direi, commovente e proverbiale!!!)

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|