| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE |
| L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |



&REA 444° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Ebbene si, la sfortuna si abbatte sul Sud

Ebbene si, la sfortuna si abbatte sul Sud.
Prima la mancanza d'acqua - con quel maledetto commissario straordinario per
l'emergenza idrica generale Roberto Jucci (sostituito assai vantaggiosamente
dal presidente della Regione Sicilia Totò Cuffaro,
<
http://www.merateonline.it/cappuccio/61.asp>)
che ha detto di aver sollevato il problema ancora un anno fa, a cui fanno coro il bolscevico
presidente Massimo Pacetti della Confederazione italiana agricoltori:

"Il piano dell'esecutivo serve solo per tamponare l'emergenza mentre occorre al
più presto una politica strategica per un uso razionale del bene acqua.
Altrimenti la situazione rimarrà drammatica." e quel rosso del direttore
generale Confindustria Stefano Parisi, che ha riassunto con la parola
"scandalo" la situazione idrica al sud.

Poi l'incidente ferroviario di ieri, con l'arcivescovo di Messina Giovanni
Marra che urla: "Non si può fare il ponte sullo Stretto lasciando la
ferrovia con una monorotaia. Sarebbe un assurdo".
A questo punto il mitico
ministro Lunardi, impassibile, dice che si farà questo e quello...
evidentemente sarà prevista una tiratura speciale di euro per pagare
entrambe le spese!

In più, l'ingegnoso (ma smemorato) Miccichè incolpa i Verdi della passata
legislazione di aver bloccato i lavori, quando, purtroppo, è del 2000 l'ok
governativo sulla doppia linea.

E' un po' dura far digerire agli italiani che i Verdi non vogliono le ferrovie...
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
Parola del Libertador: "Con estrema franchezza io ho in testa di cambiare il
paese per ammodernarlo, per ampliare i diritti e le libertà dei cittadini,
per dare loro benessere, per rendere il nostro paese moderno e forte anche a
livello internazionale. [...] Non è andando al Quirinale che si possa
attuare questa opera di cambiamento che si potrà compiere in 5 anni e, se
per caso rimanesse questo sistema, io mi ripresenterei per governare per
altri 5 anni questo paese. [...] "
Al premier servono più poteri. Quali?
Cambiare i ministri e sciogliere le Camere.
Ed allora? Presidenzialismo all'americana!
Solo in questo caso, dice, "io mi sacrificherò".
Probabilmente, per il bene del nostro Salvatore, sarebbe il caso di evitare
la riforma istituzionale...

Stay tuned,
&rea


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|