| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE |
| L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 454° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)

brutto e mostruoso

[...]  brutto e mostruoso sì, ma accorto e astuto, e di sottilissimo
ingegno; a tale, che paragonando la bruttezza del corpo con la bellezza
dell'animo, si può dire ch'ei sia proprio un sacco di grossa tela, foderato
di dentro di seta e oro. Quivi udirai astuzie, motti, sentenze, arguzie,
proverbi e stratagemme sottilissime e ingegnose da far trasecolare non che
stupire.[...]
Bertoldo. Comanda, ti prego, a questi tuoi ministri, che non mi appicchino
sin tanto che io non trovo una pianta o arbore che mi piaccia, che poi
morirò contento.
Re. Questa grazia ti sia concessa. Su, conducetelo via, né lo sospenderete
se non a una pianta che gli piaccia, sotto pena della mia disgrazia.
[...] lo condussero per tutti i boschi d'Italia, né mai poterono trovare
pianta, arbore né tronco che gli piacesse; onde, fastiditi dal lungo viaggio
e ancora avendo conosciuto la sua grande astuzia, lo slegarono e lo posero
in libertà, [...].
Forse voi pensate che questi brani siano tratti da un libro del 500-600
bolognese, scritto da tal Giulio Cesare Croce (Lodovico Mattioli), e che
parlino di una persona leggendaria. Invece no! E' il parto di tal Cirami (e
narra delle splendide, astute gesta del Libertador), un ddl che modifica gli
articoli 45 e 47 del codice di procedura penale, imponendo, in
tre-articoli-tre,di rivedere i processi (anche in corso) sulla base di un
"legittimo sospetto" dell'imparzialità del giudice, vietandogli la
deliberazione
.
Il Libertador si è esposto in prima persona, per difendere questo disegno di
legge: "Non ho ben capito i motivi di questa urgenza per la quale io
personalmente non ho alcun interesse. In Senato si è deciso, e il presidente
del Consiglio è stato estraneo a questa decisione, che questo fosse un
diritto fondamentale dei cittadini da ripristinare e il Senato autonomamente
secondo coscienza ha deciso di arrivare all'approvazione prima delle ferie
estive. [...] Io mi sono astenuto da qualsiasi commento. Per quanto mi
riguarda era indifferente che ci fosse l'approvazione ora o l'approvazione
successiva tanto più che questa è un'approvazione a metà perché poi dovrà
passare alla Camera".
In effetti, per superare l'iniqua resistenza dei giacobini a questa
giustissima legge, si erano persino fatte le cinque di mattina
(prossimamente l'esecutivo farà le sei per leggi sulle pensioni degli
statali, le sette per leggi sulla sanità e le otto per i problemi idrici),
ma nulla è valso, finché non si sono bloccati i lavori in aula (sacrificando
l'approvazione del decreto "omnibus", contenente i famosi provvedimenti
dalla sanità all'emergenza idrica) pur di portare il "salva-Previti" ad una
rapida approvazione alla Camera, senza il voto della commissione Giustizia:
i nostri hanno fermato la seduta facendo mancare il numero legale! La legge,
finalmente, potrebbe essere firmata anche domani (e quindi si bloccherebbero
i lavori delle toghe rosse milanesi sui processi IMI-SIR e SME prima di
settembre)!
Ricordo che l'appiglio è arrivato dalla Corte di Cassazione, che ha
"accettato" il fatto che "possa esserci" un problema di incostituzionalità
(rimpallando il problema alla Corte Costituzionale ed all'esecutivo, che non
era "obbligato" a creare una legge ad hoc, e nemmeno a tempi record), e
ricordo inoltre che i processi "spostati" vengono, di fatto, "cancellati" e
ricominciati da zero (ogni volta!).
Quindi è tutto merito dell'esecutivo se l'Impresa ha una nuova legge
paladina delle sue libertà: dopo il Libertador e Previti, altri imprenditori
(ad esempio quelli che vengono catalogati come "mafiosi"), con un piccolo
investimento su avvocati et similia (piccolo per loro, ovviamente), potranno
continuare a cercare un altro albero su cui essere impiccati! E forza
Impresa! Forza 3I!
==================================================================
Per gli inquirenti, tutti i dirigenti ed i funzionari (sei dirigenti della
polizia) interrogati sui fatti del G8 sarebbero corresponsabili: merito di
un filmato.
Varie le false prove: l'episodio del falso accoltellamento dell'agente
Nucera, attrezzi da lavoro (picconi, badili, eccetera, provenienti da un
cantiere edile) e le due bottiglie molotov (originariamente ritrovate in
un'aiuola di corso Italia) mescolati tra i reperti "trovati" scuola Diaz (e
che hanno permesso il giusto pestaggio dei no-global), etc etc.
Ebbene si! Tutta la polizia era d'accordo, tutti eroicamente d'accordo
contro il terrorismo che sta strisciando nel nostro paese!
==================================================================
E finalmente abbiamo scoperto quale era l'asso nella manica del ministero
del Tesoro! Finalmente abbiamo scoperto qual era il sistema per risistemare
i conti! Peccato che la Procura romana ci si sia messa di mezzo, arrestando
un po' di imprenditori.
Per farla bene, un tal Alessandro Martello (coadiuvato da ristoratori,
calciatori, poliziotti, tecnici telefonici - Wind ha dato la sua
disponibilità per l'inchiesta -, grossisti, ed altri), della Palermo bene
(ed attivista di Forza Italia)
* trasferitosi a Roma in coincidenza del fatto che Gianfranco Miccichè
(Forza Italia) sia divenuto viceministro delle Finanze
* che è stato visto con un baccellone del suddetto viceministro sulle
acque siciliane (compleanno di Pippo Fallica, deputato di Forza Italia)
* collaboratore (di un collaboratore), in passato, del suddetto
viceministro (che comunque nega di conoscerlo)
* che, da intercettazioni telefoniche, riconosce il suddetto
viceministro come "suo capo" (le stesse intercettazioni da cui si evince la
tipologia di lavoro del nostro Martello, e la tipologia di contatti
mantenuti col suddetto viceministro)
* che, da registrazioni degli ingressi, è stato visto entrare una
decina di volte nelle sale del suddetto ministero, ad orari serali (ebbene
si, si lavora anche di notte, per l'Italia!)
* eccetera
è, di fatto, un pusher di cocaina.
Colpo di scena! Chi l'avrebbe mai detto che il ministero giungesse a tali
vette di genialità? E pensare che il rapporto Kpmg del Fmi continua a
criticare i conti pubblici italiani! Basta con Forcolandia! Basta con queste
procure invadenti! Lasciamoli lavorare!

Stay!
&rea


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|