| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE |
| L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 494° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)

Evidentemente

Evidentemente Bush deve aver fatto la famosa telefonata al Libertador,
vedi <http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI493.html>: "Siamo tutti per la
pace nella giustizia, ma, certe volte, per mantenere la pace occorre
un'azione armata", dice il Nostro. Intanto il Viminale aumenta i controlli
anti-terrorismo in tutta Italia... Guerra per la pace! Pace nella
Giustizia coi botti!
Ed a proposito di giustizia coi botti, l'ufficio di presidenza della Camera
ha deciso di allinearsi a quanto già bellamente eseguito in Senato, e quindi
di non far proseguire la disamina delle commissioni congiunte Affari
Costituzionali e Giustizia, chiudere la discussione generale sul ddl
Cirami (da <http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI454.html> in avanti)
venerdì sera (votando cioè il testo base), per poi passare agli emendamenti per
il giorno successivo: tutto finito entro sabato! Caspita, il Nuovo e
Radioso Governo aveva assicurato una legiferazione più veloce, e sta mantenendo,
appunto, le promesse fatte agli italiani! Le leggi più necessarie in
pochissimi giorni! L'Italia era lì che tratteneva il fiato, per avere
una legge così vitale e indispensabile per tutti! E pensate che i rossi
(compresi i magistrati e quel malese, quello delle Nazioni Unite, leggi
pure in <http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI465.html>) si lamentano per
questa straordinaria evoluzione!
Evoluzioni anche sulla legge N.N.-Fifi: sempre più umanitaria!
Giovanardi, interpretando lo spirito della Lega, intende allargare la sanatoria
anche agli immigrati col foglio di via. Immediata la felice, elegante e
raffinata reazione di N.N.: "Il patto che abbiamo scritto era: fuori dai
coglioni. Lo dico brutalmente ma i clandestini devono tornare a casa loro. [...] Io
sto con la gente, non sto né con i massoni né con i vescovoni e con la Caritas.
I veri razzisti sono i buonisti le associazioni caritatevoli che
agiscono per un solo scopo: cambiare il mondo a loro piacere per riempirsi il
portafoglio. [...] Gli imprenditori devono garantire la casa e i soldi
del biglietto di ritorno, basta prendere in giro la gente. Io la sanatoria
non la darò mai. Su questo si gioca la credibilità del governo Berlusconi.
Adesso è il momento dei fatti. I preti hanno finito di sfruttare le
colf e le badanti". Dalle auliche parole si capisce subito che aderirà a
qualsiasi modifica verrà imposta al suo parto, sosterrà il governo con impegno, e
si unirà al coro festante dei suoi amici "democristiani".
Cori festanti anche dai sindacati. Pezzotta:  "Alla finanziaria di
Berlusconi chiediamo il rispetto del Patto per l'Italia che oggi
rappresenta l'unica politica anticiclica" (cavoli, anticiclica! ne avevo sentite
parecchie, ma anticiclica, una politica, mai!). Angeletti: "Per ora sono
parole: la legge finanziaria è fatta di numeri - qui commenta le
anticipazioni sul provvedimento fatte dal Libertador ieri a Bari - e
quando ci saranno potremo dare giudizi. [...] Noi, che abbiamo sottoscritto il
Patto per l'Italia, non vogliamo che ci siano tagli allo stato sociale,
alle pensioni e alla sanità". Queste parole commentano la sensazione di
sicurezza che dà, in questo momento, la situazione economica ottenuta dalla forte
e serena politica del Nuovo e Radioso Governo.
Situazione economica che viene così riassunta dal Libertador (attorniato
dagli amici popolari europei): per quanto riguarda la tirata d'orecchie
di Schioppa (sempre
<http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI493.html>), "il
riferimento era alla situazione precedente dell'Italia, e non certamente
alla politica di questo governo", mentre per quanto concerne l'Europa,
"siamo tutti d'accordo nel rispetto dei Patti di Maastricht, che hanno
avuto effetti assai positivi sulle nostre economie. Al massimo si può pensare
di discutere di un possibile differimento del pareggio di bilancio."
Ovvero: i Patti vanno bene, se li cambiamo! Questo però crea un problemino: "Se il
governo non rispetterà l'impegno solenne di raggiungere il pareggio di
bilancio nel 2003, la scrivania di Quintino Sella sarà liberata.",
parole
della soubrettona a Bruxelles (10 luglio 2001), davanti a ministri e capi di
stato europei. Come faremo senza la nostra super-soubrette?
Stay, &rea


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|