| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 875° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Tante piccole storie.

Tante piccole storie.

Modigliani (il famoso economista) ieri s'era permesso di rilasciare un'intervista (vedi http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI874.html ) per prendere in giro il Libertador dello show americano (alcuni brani dello spettacolino: "Ci sono molti meno comunisti in Italia oggi", "Erano al 34%, ora sono al 16 per cento e negano di esserlo mai stati","L'Italia é il Paese più americano d'Europa e con la minore invidia sociale del lavoro","Dopo che i giudici comunisti avevano eliminato 5 partiti di governo di ispirazione atlantica, se avesse vinto il Pci con il suo 34%, che diventava l'85% con il maggioritario, l'Italia avrebbe fatto un passo indietro sulla strada della libertà e della democrazia", "Un altro motivo per venire ad investire in Italia é che oltre al bel tempo e alla bellezza dell'Italia, abbiamo anche bellissime segretarie, delle bellissime ragazze", "Americani, venite a morire in Italia: il mio governo ha abolito le imposte sulle successioni")... Beh, é morto ieri, infarto secco... Potenza dell'Unto!

Tosi, presidente dei rettori italiani (CRUI): "Senza investimenti - nota di &rea: 0,8% del Pil contro 1,2% di media europea - siamo al crollo e dobbiamo cominciare subito. Non pretendiamo la Luna, sappiamo bene in quale contingenza economica viviamo, ma dobbiamo salvare l'istruzione e la ricerca che hanno un ruolo strategico per l'avvenire del Paese.[...] Io non ho ricevuto nessuna assicurazione dal governo se non arriverà aiuto dallo Stato ci appelleremo al Paese, noi vogliamo un dialogo continuo con le istituzioni non strappiamo con nessuno, ma siamo qui per combattere."... combattere contro la manager Moratti? Allora è destinato a perdere! Evviva la squola (vabbé, nelle 3I non è previsto l'"I"tagliano) privata!

N.N. (vedi ancora http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI874.html ) parla di Roma ladrona, Milano nuova capitale, Paese fallito, secessione ... Beh, ecco le parole del Libertador: "Bisogna sapere che Umberto parla ai suoi elettori, bisogna capirlo. Certe cose dette da un altro sarebbero difficili da accettare, da lui si può.[...] Umberto ama parlare facendo un po' di fuochi d'artificio, ma poi è una persona di buon senso che rispetta i patti.". Bene, siamo tutti rassicurati, no? Secondo il Libertador, N.N. parla così per far felici i suoi elettori che, così, possono beccarsi qualsiasi altra balla, e restar felici lo stesso, come ci racconta anche il simpatico Schifani: "Il linguaggio colorito, ed anche a volte un po' troppo ruvido fa parte del vocabolario di Bossi che ormai ci ha abituato a queste esternazioni. Non bisogna comunque dimenticare che parla al suo elettorato. E' necessario quindi distinguere tra le parole e il rispetto delle scelte strategiche di governo e di maggioranza. Finora la Lega ha sempre rispettato i patti, c'è sempre stata intesa. Ed è questo quello che conta". Intanto, però, è saltata l'ennesima riunione di maggioranza sulla finanziaria... L'amore non è bello se non è litigarello!

Pezzotta, il sindacalista che aveva firmato un trattato di pace col Nuovo e Radioso Governo: "No, non siamo disponibili. In realtà non trovo esista alcuna linea morbida. Nelle intenzioni dell'esecutivo c'è l'eliminazione, in un modo o nell'altro, delle pensioni di anzianità. E noi non ci stiamo." Dagli amici mi guardi Iddio...

Stay!                   &rea  

P.S.(N.N.:"Questa era gente da tirar giù, da portare in piazza e fucilare, perché quando uno fa fallire un paese lo si fucila."... speriamo non sia applicabile anche ai tempi attuali... non si sa mai...)

P.P.S.(della serie siti all'indice; http://www.repubblica.it/2003/i/sezioni/politica/telekomserbia3/caso/caso.html , dal quale traggo queste fandonie, per puro esempio:

- 'Trantino mette le mani avanti: è stato Paoletti a fare il nome di Marini. Non è così. Quel 14 gennaio, a un Paoletti frastornato, viene mostrato il prospetto allegato all'anonimo dell'8 gennaio. Paoletti riconosce la carta, ne spiega la falsità, nega di avere conti a San Marino. Non fa nomi. Il presidente Trantino allora lo interrompe e gli chiede: "Lei conosce Marini Igor"? (pagina 29 della trascrizione ufficiale della seduta del 14 gennaio). Non è dunque Paoletti a fare quel nome, ma Trantino. Perché? Come fa il presidente a sapere, già il 14 gennaio, il nome che sarà "uomo chiave" o "uomo boomerang" dell'affare? Per quale divinazione Trantino conosce l'esistenza di "Marini Igor"?'

- '"È una macchina da guerra - scrive la procura di Napoli - per abbattere il sistema e metterlo a tacere con campagne di stampa". Il "sistema" è il governo di centro-sinistra. Le "motivazioni" sono nella conversazione intercettata tra D'Andria e il "suo" colonnello dei carabinieri Pietro Sica. "La motivazione ideologica - dice l'ufficiale dell'Arma - è questa. Questi magistrati di merda a noi ci hanno sempre fatto il culo e noi siamo diventati loro nemici. Voi (si intende D'Andria) mi dovete dare questa collaborazione. Perché quelli che sono i futuri governatori d'Italia vogliono ovviamente conoscere tutto di tutti per sapere chi è affidabile e chi meno...".')

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|