| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | |
LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |


altri articoli di Arpaia

Bruno Arpaia

Il calcio di Babilonia


Qual vecchio volpone di Carraro. Inutile protestare, inveire contro di lui, chiedere le sue dimissioni: in realtà, solo pochi eletti hanno capito che il presidente della Figc sta tramando nell'ombra, sfidando il malumore e lo scontento generali, per realizzare uno dei più fenomenali esperimenti sociali mai tentati, con i Tar, il Coni, la Lega, le squadre, il governo e noi cittadini e tifosi a fungere da complici o strumenti inconsapevoli della sua vocazione innovativa, anzi, dirò di più, absit iniuria verbis: rivoluzionaria.

Dice: ma quale esperimento? E' presto detto: quello di far disputare interi campionati di calcio senza giocare una partita che sia una, magari a stadi completamente chiusi. La giornata di ieri l'ha dimostrato: l'esperimento funziona, e alla grande. Solo gli sciocchi, gli arretrati, i conservatori, non vedono i vantaggi di una simile soluzione e insistono a reclamare l'emozione dello sport, il brivido di un rigore o di un assist da centrocampo.

Vuoi mettere il risparmio di non dover più schierare ogni domenica un esercito di dieci o dodicimila poliziotti per impedire scontri fra tifosi e danni alle cose o alle persone? Vuoi mettere quanto si evita di spendere in trasferte e alloggiamenti dei giocatori? E la possibilità di comprare mezzecalzette e brocchi a due lire, perché tanto non dovranno mai dimostrare sul campo quanto valgono con la palla tra i piedi? Sembra niente, ma son palanche. E i guai economici del calcio sarebbero miracolosamente risolti.

Viva Carraro, dunque. Ma, come ci riferiscono fonti esclusive e solitamente ben informate, il grandioso progetto del presidente della Federcalcio non si ferma qui. Prevede infatti una seconda fase, che scatterà appena possibile e perfezionerà definitivamente il meccanismo. Basta con le penalizzazioni, con i punti assegnati a tavolino: roba vecchia. Dicono che Carraro l'abbia giurato: non si ripeterà più uno spettacolo come quello di ieri, con, per esempio, la squadra del Genoa che deve viaggiare fino a Livorno con questo caldo tropicale solo per racimolare tre miseri punti. Dal prossimo turno, le partite si decideranno per sorteggio. Come nel Lotto, ogni domenica pomeriggio, davanti a un notaio e ai rappresentanti delle squadre, naturalmente contro un fondale tappezzato con i loghi degli sponsor, avverrà l'estrazione in diretta televisiva, magari a reti unificate. I tecnici della Federcalcio stanno studiando il modo di far durare le operazioni esattamente novanta minuti, come una vera partita di calcio. Geniale. E ai critici incalliti, ai tifosi o agli intellettuali che snobisticamente continuano a storcere il naso, basterà ricordare che perfino un genio come Borges sarebbe stato d'accordo con Carraro. Il cieco di Buenos Aires, infatti, scrisse un meraviglioso racconto dal titolo La lotteria di Babilonia, nel quale profetizzava un mondo in cui i destini individuali, le fortune o le disgrazie, le promozioni o le discese ai gradini più bassi della scala sociale non erano determinati dai meriti, ma da una lotteria. Un numero fortunato poteva esaltare le sorti di chiunque, un bussolotto infausto condannarti all'inferno. Fino alla successiva estrazione. Una società egualitaria, perché retta assolutamente dal Caso. Infatti, nessuno si lamentava, perché a tutti, in fondo, piace il brivido, piace rischiare, piace essere in balia del Destino. Dio voglia che il presidente Carraro non si limiti solo al calcio, che nei suoi rivoluzionari progetti rientrino anche le nostre vite di tutti i giorni. Se il prossimo presidente del Consiglio venisse eletto con una lotteria, io gli cederei volentieri il mio numero. E voi?

Bruno Arpaia – IL SECOLO XIX – 25/08/2003



| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|