| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | |
NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE |
| L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |

INIZIATIVA ONU

ATLANTE MARINO



foto sul sito Università di Guadalajara
Centro universitario per lo studio dell'acqua

Mentre anche l'Australia dice no alla ratifica del protocollo di Kyoto sul clima, sul sito Internet http://www.oceansatlas.com/index.jsp
le Nazioni Unite pubblicano un Atlante marino per sensibilizzare l'opinione pubblica sul degrado degli ecosistemi marini e costieri e sulle loro cause e per offrire un efficace mezzo di coordinamento del lavoro dell'Onu e delle varie agenzie o istituzioni, che si occupano di queste problematiche.

L'idea dell'atlante è nata al Summit sulla Terra a Rio nel 1992, durante il quale vennero discusse le più grosse sfide ambientali del pianeta ed emersero i problemi principali, come lo sfruttamento selvaggio delle risorse marine e gli effetti dei cambiamenti climatici sul livello globale delle acque.
Gas come l'ossido di carbonio e il metano sono infatti ritenuti responsabili dell'aumento delle temperature sulla Terra e dei cambiamenti climatici.

L'Atlante marino online, con dati continuamente aggiornati sullo stato degli oceani, mappe, tendenze di sviluppo e informazioni sulle minacce alla salute umana legate al deterioramento dell'ambiente marino, contiene 14 mappe e link per centinaia di altre cartine, tra cui 264 che mostrano la distribuzione delle risorse ittiche.
L'atlante è organizzato per argomenti, tra cui inquinamento e detriti, argomenti di discussione, pesca, pirateria, alghe e barriere coralline.



| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|