| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |


FRANCESCA MERCADANTE

Paesaggi dell'anima alla fine della prima generazione





Palermo,
Edizioni del Mirto,
233 pagine, Lire 20.000

Edizioni del Mirto via Porta di Mare 77c, Partanna  Mondello 90151 Palermo


Era convincimento di Santi Cutò, avendo conosciuto uomini e fatti, che fosse impossibile cambiare l'animo umano.
“Chi nasce tondo non può morire quadrato”.

E su questo aveva disserttato tutta una vita, rilegando dietro l'angolo di una mesta fatalità sicura, ogni coscienza diversa.

E quando Carlo forzava volutamente l'inamovibilità dell'assunto, sentiva lontano perso in un pozzo senza fondo, salire l'acqua cristallina che gli levava ogni dubbio lasciandogli fresca la certezza che già, anche così valeva la pena di tentare di rompere ciò che da secoli si trascinava viscido sopra le cose.

Valeva la pena, per l'euforia, per l'eccitazione che provava di misurarsi, lui piccolo definito essere, con l'infinito potere che mille facce e gesti era capace di avere.

Valeva la pena perché solo il Figlio dell'Isola poteva aspirare a cambiare le regole del Padre che cultura di vita ne aveva fatto.

Rassegna stampa

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|