BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |



Riccardo Perricone di Bavera e Conca

NOTA SU ROSALIA GARBO

Ho conosciuto Rosalia Garbo per caso: ho un bimbo che per imperscrutabili motivi deve passare qualche ora della sua giornata in un posto ad imparare tutta una serie di cose definite “indispensabili” dalla bieca organizzazione sociale dei nostri tempi; a portarlo in cotal luogo ed a riprenderlo ci pensa il perno della mia esistenza. Dappoicchè Rosalia ha un bimbo dello stesso tonnellaggio del mio, e dato che, come noto, “le fimmine si parlano”, tutta una serie di eventi mi ha portato a conoscere la Professoressa Garbo, immediatamente da me medesimo ribattezzata più opportunamente “Donna Rusulia”.

Donna Rusulia cucina divinamente: ella possiede il “tocco”, la maestria innata, che non si impara, di sapersi esprimere in cucina. Caratteristica che la rese ai miei occhi ed alle mie papille assolutamente unica: chi, come me è costretto a diete becere ed inutili, trae enorme e inenarrabile godimento da ricette semplici, ma realizzate con grazia. Rusulì non ha bisogno di ricettari per conoscere il tempo preciso che deve cuocere il tenerume, ovvero la quantità, che deve essere micrometricamente dosata, della ricotta salata da mettere sulla Norma… così come è capacissima, senza apparente fatica, di realizzare in paesi esteri piatti tipici siciliani, interpretando gli ingredienti locali con sapienza ed innata gentilezza.

Oltre a questa qualità indiscutibile, ma che lei mai ammetterebbe come tale, Donna Rusulia gode di altre caratteristiche: ella è infatti dotata anche di un marito, astronomo di vaglia, capace di “parlare ai bambini”: è contraddistinto da modi e tratti fisici assolutamente indicati per la professione che si è scelto; avesse voluto fare l’idraulico, non avrebbe avuto, secondo me, alcuna credibilità. Ho avuto il piacere di vivere l’ultima eclissi solare in sua compagnia: ha tenuto una decina di persone in uno stato di affabulazione assoluta, dovuta alla stranissima atmosfera che si andava creando a causa dell’evento, ma soprattutto alla sua capacità di “raccontare”: esperienza unica, che mi permette oggi, dalla mia casa, di guardare il cielo notturno con vieppiù meraviglia e stupore.

Tornando a Donna Rusulia: capacissima di “fare tacca” immediatamente con tutti, dispone di una risata contagiosissima, estremamente equilibrata, di una gioia di vivere invidiabile, specie per chi, come me, ha un carattere che paragonare a quello di un orso sarebbe offensivo. Per l’orso.

Padrona di casa deliziosa, interpreta il suo ruolo di insegnante con passione e rari risultati umani: entrando al “mitico” Cannizzaro di Palermo e facendo il nome della Prof, è immediato il sorriso dell’interlocutore.


Ho impiegato tempo ad avere la possibilità di leggere i suoi scritti: viceversa il mio motore immobile, perno della mia esistenza [mia moglie, n.d.t.] da tempo aveva avuto tale possibilità e me ne parlava, traendo indubbio intrigo dal suscitare la mia curiosità, rattenuta ma evidente; giunto finalmente in possesso di questi documenti, letti in prima battuta in diagonale, li ho voluti sottoporre al vaglio della leggendaria Elvi, quasi a farmi perdonare, questa volta certo del risultato, alcune bieche segnalazioni…


Donna Rusulia ha una figlia, deliziosamente piccola, ma come tutte le bambine già capacissima di farsi girare su un dito tutti i maschietti che le capitano a tiro: l’ultima volta, riuniti quasi per caso i figli di Rusulia e altri bambini, ho visto mio figlio ed un altro bambino della stessa età, otto anni, quell’età in cui le femminucce sono solo una perdita di tempo, scattare agli ordini di questa bambina, che sono convinto fosse assolutamente consapevole del suo innato potere.

Questa bambina si chiama Costanza.


Credo che leggere gli scritti di Rosalia Garbo regali il senso di “poi”, come lei stessa dice, che ho voluto fosse esteso a chi è oggi ancora capace di credere nelle favole. Giunto alla soglia dei quarant’anni, stimo indispensabile avere avuto l’esperienza, e godere della possibilità di guardare negli occhi un bambino e cominciare: “c’era una volta…..”.


Grazie, Rusulì.


Riccardo Perricone di Bavera e Conca


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|