| BIBLIOTECA | EDICOLA |TEATRO | CINEMA | IL MUSEO | Il BAR DI MOE | LA CASA DELLA MUSICA | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | NOSTRI LUOGHI | ARSENALE | L'OSTERIA | IL PORTO DEI RAGAZZI | LA GATTERIA |

IL CINEMA RITROVATO

TOTO'


'O SCHIATTAMUORTO

I' faccio 'o schiattamuorto 'e prufessione,
modestamente songo conosciuto
pe' tutt' 'e ccase 'e dinto a stu rione,
pecché quann'io manéo 'nu tavuto,
songo 'nu specialista 'e qualità.

I' tengo mode, garbo e gentilezza.
'O muorto mmano a me pò sta' sicuro,
ca nun ave 'nu sgarbo, 'na schifezza.
Io 'o tratto comme fosse 'nu criaturo
che dice a 'o pate: "Me voglio ji' a cucca".

E 'o còcco luongo, stiso 'int' 'o spurtone,
pure si è viecchio pare n'angiulillo.
'O muorto nun ha età, è 'nu guaglione
ca s'è addurmuto placido e tranquillo
'nu suonno doce pe' l'etemità.

E 'o suonno etemo tene stu vantaggio,
ca si t'adduorme nun te scite maie.
Capisco, pe' muri 'nce vo' 'o curaggio;
ma quanno chella vene tu che ffaie?
Nn' 'a manne n'ata vota all' aldilà?

Chella nun fa 'o viaggio inutilmente.
Chella nun se ne va maie avvacante.
Si' povero, si' ricco, si' putente,
'nfaccia a sti ccose chella fa 'a gnurante,
comme a 'nu sbirro che t'adda arrestà.

E si t'arresta nun ce stanno sante,
nun ce stanno ragione 'a fa' presente;
te ll'aggio ditto, chella fa 'a gnurante...
'A chesta recchia, dice, io nun ce sento;
e si nun sente, tu ch'allucche a ffa'?

'A morta, 'e vvote, è comme ll'amnistia
che libbera pe' sempe 'a tutt' 'e guaie
a quaccheduno ca, parola mia, ,
ncoppa a sta terra nun ha avuto maie
nu poco 'e Pace... 'na tranquillità.

E quante n'aggio visto 'e cose brutte:
'nu muorto ancora vivo dinto 'o lietto,
'na mugliera ca già teneva 'o Ilutto
appriparato dinto a 'nu cassetto,
aspettanno 'o mumento 'e s' 'o 'ngigna.

C'è quacche ricco ca rimane scritto:
"Io voglio un funerale 'e primma classe!"
E 'ncapo a isso penza e fa' 'o deritto:
"Così non mi confondo con la massa".
Ma 'o ssape, o no, ca e lire 'e llasse ccà?!

'A morta è una, 'e mezze songhe tante
ca tene sempe pronta sta signora.
Però, 'a cchiù trista è "la morte ambulante"
che può truvà p' 'a strada a qualunch'ora
(comme se dice?...) pe' fatalità.

Ormai per me il trapasso e na pazziella;
e nu passaggio dal sonoro al muto.
E quanno s'è stutata 'a lampetella
significa ca ll'opera è femuta
e 'o primm'attore s'è ghiuto a cucca.

(Totò – Antonio de Curtis – Da "'A livella")

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|