| BIBLIOTECA | EDICOLA |TEATRO | CINEMA | IL MUSEO | Il BAR DI MOE | LA CASA DELLA MUSICA | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | NOSTRI LUOGHI | ARSENALE | L'OSTERIA | IL PORTO DEI RAGAZZI | LA GATTERIA |



MUSICA

Kings of Convenience, il folk dai fiordi

Amano i giochi di parole, i Kings of Convenience. E durante i loro concerti riescono sempre a bilanciare la sottile malinconia delle loro storie d'amore con qualche battuta azzeccata. Sono saliti alla ribalta internazionale qualche anno fa con un disco che si intitolava Quiet Is The New Loud (la quiete è il nuovo frastuono), ora tornano con Riot On An Empty Street (una rivolta in una strada vuota). Due ragazzi norvegesi.

Eirik Glambek Boe e Erlend Oye. Due voci e una chitarra acustica. Una manciata di canzoni agrodolci e crepuscolari. Potrà sembrare un accostamento scontato, ma l'effetto che la musica dei Kings of Convenience ha su di noi non è molto diverso da quello che altre musiche e altre parole – di Simon & Garfunkel, di Peter, Paul & Mary, dei Mamas & Papas, dei Beach Boys, dei Beatles – provocavano negli anni '60. Anni non meno turbinosi e violenti di questi, segnati dalla guerra in Vietnam o delle morti di Malcom X, di Martin Luther King e di Robert Kennedy. Le voci in armonia accarezzano il cuore e le orecchie. Ti mettono di fronte a un dato di fatto: se due, tre o quattro persone possono cantare insieme in questo modo, perché l'umanità diventa così spesso protagonista di tanti orrori? Tra le mille cose che possiamo chiedere alla popular music c'è l'approdo a un'isola felice, un luogo in cui regnino incontrastate la bellezza e l'armonia. Non per fuggire dalla realtà, sia chiaro, ma per muoverci con più serenità verso quell'Utopia che è parte integrante ed essenziale di qualsiasi forma di espressione artistica. Di questo e altro abbiamo parlato con Eirik Glambek Boe. Una conversazione tanto rilassata quanto illuminante.

Che effetto ha avuto su di voi il grande successo di Quiet Is The New Loud?

Non ci aspettavamo davvero nulla di simile quando eravamo a Bergen, in Norvegia, ma è anche vero che il nostro disco all'epoca è stato inserito in una tendenza, in una specie di moda, e io sono curioso di vedere cosa dirà adesso la stampa. Spero che parli soprattutto della nostra musica e delle nostre canzoni.

Ora del cosiddetto “nuovo movimento acustico” non si parla quasi più.

Trovo positivo che tante persone suonino la chitarra acustica e che lo facciano usando al tempo stesso anche il computer. La musica è bella e interessante perché è varia, perché si può farla in tanti modi diversi, ma non ci piacciono così tanto le “tendenze” e le mode.

I ragazzi di vent'anni o giù di lì che vengono ai vostri concerti forse non andrebbero in un folk club a sentire musica acustica, eppure se ne stanno lì inchiodati e ipnotizzati dalle vostre canzoni.

Nell'ultimo concerto che abbiamo fatto, a Bergen lo scorso novembre, è successo qualcosa di simile, anche se si trattava forse più di nostri coetanei, più vicini ai trenta che ai venti.

Parte della vostra magia sta bel modo in cui bilanciate la malinconia delle canzoni con la follia surreale dei vostri interventi parlati. E' una cosa che avete studiato a tavolino o è nata spontaneamente?

E' Erlend il personaggio. Un po' per il suo aspetto e per come si muove, un po' per il suo carattere. ' una cosa che è nata è che è andata avanti in modo del tutto naturale.

E le armonie vocali? Quand'è che avete scoperto di essere così bravi a cantare insieme?

Non lo ricordo quasi più. Siamo stati influenzati da un gruppo di Bergen che le usava molto bene, i Poor Rich Ines.

Le vostre canzoni sono sempre firmate da tutti e due. Come funziona in pratica la scrittura?

In genere le canzoni nascono dall'idea di ognuno di noi, poi l'altro dà il suo contributo, sia per la musica sia per i testi.

Non ha mai pensato di fare anche lei un album da solo come Erlend?

In Quiet Is The New Loud io avevo circa il settanta per cento della responsabilità e ho lavorato molto anche al nuovo disco: sei mesi in studio tutti i giorni a Bergen. Se dovessi fare un disco da solo, probabilmente questo suonerebbe come Quiet Is The New Loud. Almeno per il momento sono contento così.

La vostra musica è dolce, malinconica e carezzevole e i vostri testi raccontano sempre il microcosmo dei sentimenti. Tutto questo in un mondo che appare sempre più dominato dall'orrore della guerra. Non sentite mai l'esigenza di parlarne?

Affrontare argomenti di questo genere ci porterebbe probabilmente a usare degli slogan o a fare delle affermazioni troppo nette. I testi delle canzoni, come la poesia, dovrebbero porre delle domande, non dare delle risposte. Io preferisco l'impegno come semplice cittadino e non trovo molto democratico usare la visibilità che mi dà il fare dischi per esprimere opinioni politiche.

In alcuni casi, però – penso ad esempio alla campagna dei Coldplay per Free Trade – certe prese di posizione possono essere preziose.

Certo. Anch'io ho sentito parlare per la prima volta del Commercio Equo e solidale quando ho visto la scritta Free Trade sulle mani e sulla maglietta di Chris Martin.

Ci sono delle eccezioni, dunque...

Forse l'artista più efficace nel mettere insieme la musica, la poesia e l'impegno politico è stato Bob Marley.

Intervista di Giancarlo Susanna – L'UNITA' – 16/07/2004

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|