| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |

Francesco Cordio

TEATRO

ATHOL FUGARD


Fugard Athol (Middelburg, Provincia del Capo, 1932), regista e autore sudafricano.
Studia a Port Elizabeth e a Città del Capo (filosofia). Viaggia a lungo per il mondo facendo i più svariati lavori.

Nel 1956 sposa Sheila Meiring, attrice e scrittrice, con cui comincia a recitare e a scrivere per il teatro fondando la compagnia Circle Players.

Nel 1959 produce No-Good Friday, scritto per un gruppo interraziale nel quale vengono adottate le tecniche recitative dell'Actors Studio di New York.

Lavora anche in Europa (1960-61) interagendo col teatro underground e il teatro povero di Grotowski. Come regista mette in scena drammi di Beckett, Brecht, Büchner, Camus, Genet, Machiavelli, Sofocle e Soyinka con la sua nuova compagnia, i Serpent Players.

Tra i suoi lavori drammatici, Il nodo di sangue realizzato nel 1961, Ciao e arrivederci nel 1965 e Boesman e Lena nel 1968, costituiscono la `trilogia di Port Elizabeth'.

Successivamente sono state rappresentate: The Coat, nel 1966, e People Are Living There nel 1968, stesso anno in cui la Bbc mandò in onda il radiodramma Millemiglia dedicato alla mitica corsa automobilistica italiana.

Nel 1972 F. realizza la sua seconda e più importante trilogia:

Sizwe Bansi è morto, che definì «il più efficace atto d'accusa contro l'apartheid» (storia di uno scambio d'identità);

L'isola, sui dialoghi di due detenuti che discutono della messa in scena di Antigone intrecciandola alle storie dei film che hanno visto; e

Statements after an Arrest under the Immorality Act sulla vita di una coppia mista che fa dell'incontro affettivo e sessuale un luogo di riflessione sulla segregazione razziale.

Dimetos (1975) è il suo primo testo che esce dai temi legati alla sua terra per affrontare l'incesto. Seguono:

The Guest (1977), sull'artista sudafricano Eugene Marais e la sua dipendenza dall'eroina;

A Lesson from Aloes (1978) in cui fa esplodere i conflitti di coppia di una famiglia della media borghesia inglese e l'autobiografico `Master Harold' and the Boys (1982).

Gli ultimi lavori sono The Road to Mecca (1984) e A Place with the Pigs (1988).

F. ha coltivato anche interessi cinematografici girando anche alcuni film, fra gli altri:

Boesman and Lena (1974) e Marigolds in August (1979) e ha recitato in film altrui, fra cui: Gandhi di Attemborough (1982). m.l.m.

sta in: dizionario baldini & Castoldi dello spettacolo del '900

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|