BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |


DAVIDE RICCIO

LUCE NERA


LUCE NERA

O luce di Wood


Placido sopore e spicchi di lunula,

Unghie che mappano gli ignudi corpi,

Tastano care dita, e i manicordi

Sotto le lenzuola han dolci armoniche.

Perlustro il marame della mia stanza

E trovo pace che bruna s’increspa,

Filiforme, Mediterraneo antico

Per le illiriche liburne sottili.

Lembo di terra estremo su cui batto

Le pensate onde alessandrine, faro,

Tu mi affascini un cuore che rinvergina.

Spengo l’ultima cicca: a sei colonne

E timpano completo un crepidoma.

Ho un tempio classico nel portacenere.


Davide Riccio

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|