| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 1104° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Delega pensioni

Delega pensioni: su richiesta del Nuovo e Radioso Governo, la legge passa alla fiducia in Senato. Peccato che, solo ieri, l'on. Roberto Calderoli (mica uno qualunque, dicensi il vicepresidente del Senato) avesse affermato che "La fiducia? Mai presa in considerazione, né lo faremo in futuro, ci opporremo se ci sarà!". Vabbè...

Sapevamo che ci sarebbe stata maretta.

Il bolscevico Gavino Angius (capogruppo Ds al Senato), ha così sparato a zero nei confronti del beato Pera (presidente del Senato): "Lei presidente sta offendendo la dignità del Senato in complicità con governo e maggioranza. E' ora di finirla. Ci pensi bene a quanto le dico perché questa storia della fiducia sulle pensioni avrà un riflesso profondo sui lavori in quest'aula e su questo ramo del Parlamento e la pubblica informazione".

Anche dai sindacati segni di malcontento. Morena Piccinini (segretaria confederale della Cgil con delega alla previdenza) aveva già detto: "Sarebbe gravissimo se il Governo decidesse di ricorrere alla fiducia sulla Delega previdenziale. Non si tratterebbe solo di un atto di arroganza e prepotenza di un governo che, dopo aver negato ogni reale confronto con il sindacato, ora impedisce anche al Parlamento di discutere su un testo di legge così importante. Impedire il dibattito in aula denota anche la profonda debolezza e divisione all'interno del governo e della maggioranza che lo sostiene tanto da imporre un provvedimento blindato, proprio perché è sempre più evidente quanto sia iniquo, lesivo dei diritti di giovani e anziani.
Un testo di legge che è stato di giorno in giorno aggravato, tanto da uscire dalla Commissione Lavoro del Senato addirittura peggiorato rispetto al testo iniziale, che già come CGIL-CISL-UIL avevamo considerato irricevibile, tanto da porlo tra le motivazioni dello sciopero del 26 marzo scorso.
Infatti, gli emendamenti imposti dalla maggioranza aggravano ulteriormente sia le regole per la previdenza pubblica che, ancor più, quelle per la previdenza complementare che, con il favore riconosciuto alle assicurazioni che hanno esercitato una pressione hobbistica, di fatto viene snaturata e resa molto più aleatoria per i lavoratori interessati.
Gli interessi che stanno alla base di questa delega nulla hanno a che vedere con la sostenibilità del sistema previdenziale né tanto meno con criteri di equità sociale, ma rispondono solo al bisogno del governo di fare cassa a spese dei pensionati presenti e futuri e di elargire prebende ai poteri forti.
Per questo riteniamo importante che il dibattito parlamentare si svolga compiutamente affinché si possa modificare radicalmente il testo del provvedimento.
Il sindacato, unitariamente, deciderà le opportune forme di lotta per contrastare questa sciagurata decisione del governo.".

Ed adesso? Il Nuovo e Radioso Governo è convinto della "particolare importanza di questo provvedimento per i riflessi che avrà sull'economia del Paese." (Carlo Giovanardi, ministro dei Rapporti con il Parlamento) e quindi difenderemo con tutti gli artigli questa legge! D'altronde... avete visto come l'economia, sotto la maestrale arte della soubrettona e del resto dell'Esecutivo, viaggi col vento in poppa...

Stay... &rea

P.S.(Nuova puntata del serial "Torture in Iraq". Come sapete, quel popolo era abituato alle sevizie del malefico dittatore Saddam. I fratelli americani potevano togliere così, senza neppure dare il tempo di abituarsi, un tale vizio agli iracheni? Ad esempio, è dura smettere di fumare da un giorno all'altro! Per questo Rumsfield, pupillo di Bush - "Sta svolgendo un lavoro superbo!" -, ha perpetrato orrori che, con parole del senatore Bill Frist - leader della maggioranza repubblicana - ,"Vanno oltre tutto quello che avevamo visto sinora."; anche l'altra campana americana - sentiamo Dianne Feinstein, senatrice democratica, ad esempio - suona all'unisono: "E' difficile credere che attività del genere siano avvenute in una struttura militare americana.". Anche l'esercito di Blair ha massacrato svariati civili inermi - fra i quali una bambina di 8 anni, secondo Amnesty International -.IL TUTTO SENZA CHE I MILITARI ITALIANI NE SAPESSERO NULLA, ci racconta Antonio Martino, ministro della Difesa: "Eravamo all'oscuro di tutto.[...] Opposizione antiamericana e disfattista. Non lasceremo l'Iraq.". Male, ragazzi, male. Non sapevamo nulla... Non partecipavamo... Non raggiungeremo mai l'importanza anglo-americana nel mondo, a questo modo. Non possiamo farci surclassare così. Cosa siamo, mezzi uomini - per il valore dei soldati italiani secondo Bin Laden, vedi http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI1098.html - ? Rimaniamo in Iraq e cerchiamo di riscattarci!)


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|