| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 1117° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Il testo lo trovate in...

Il testo lo trovate in http://www.beniculturali.it/download/DL_Cinema_PCM12032004.pdf .

I commenti sul novello parto del geniale Urbani li trovate, invece, dappertutto:
Paolo Nuti (presidente dell'Aiip, Associazione Italiana Internet Provider): "Un pasticcio.[...] Noi provider non abbiamo nessuna intenzione di proteggere la pirateria, ma qui ci viene assegnato un ruolo di istruzione dell'accusa che non ci appartiene, soprattutto da un punto di vista costituzionale.[...] Stando così le cose la nostra unica opzione per non incorrere in illecito sarebbe staccare la spina.[...] Peraltro, così com'è, il decreto è inattuabile. In via teorica il provider può individuare senza difficoltà i pirati ma, a parte l'onere economico dell'operazione, agirebbe in violazione della privacy e della Costituzione. Una situazione da Cina popolare."
Dall'Alcei (Associazione per la Libertà nella Comunicazione Elettronica e Interattiva): "L'ennesima legge papocchio, inutile, inefficace e pericolosa.[...] Instaura qualcosa che somiglia molto a uno 'stato di polizia', con la persecuzione delle intenzioni, l'obbligo di delazione, la violazione della vita e della comunicazione.".
Poi Federico Motta (presidente dell'Aie, Associazione Italiana Editori): "Urbani è solo il ministro del cinema? Noi a quale ministro dobbiamo chiedere aiuto per la tutela del nostro diritto d'autore?".
Ma anche Franco Asciutti (senatore di Forza Italia): "Ci troviamo a chiudere un provvidemento con un articolo, il primo, che è deleterio per il Paese.[...] Non abbiamo risolto i problemi perché non c'è tempo di rimandare il decreto alla Camera.".
E, dall'opposizione, Fiorello Cortiana (senatore verde... un venusiano, insomma): "Il decreto contro la pirateria è sbagliato nel metodo e nel merito. Oggi finalmente abbiamo convinto anche il ministro Urbani, che in aula si è impegnato a presentare le necessarie correzioni. Abbiamo vinto una prima tappa, ma il nostro intento è vincere la corsa contro l'ignoranza sui temi di Internet e della società dell'Informazione.".

Ma tant'è... la legge è passata. Con quella frasetta ("per trarne profitto") che, secondo molte interpretazioni di giurisprudenza, prevede la condanna per tutti, a causa dello scambio di file... perché chi invia/riceve i file lo fa per ottenere un risultato, e, se il risultato non è profittevole (anche non economicamente), perché scambiarli?

Sosteniamo comunque il nostro Ministro: boicottiamo il Netstrike previsto per fine mese! Forza Urbani, Forza Nuovo e Radioso Governo, Forza Mediolanum e colossi cinematografici!


Stay, &rea


P.S.(Riporto fedelmente il testo di un'e-mail che circola in questi giorni:
"Netstrike (Girotondo telematico) contro il sito del Ministro Urbani (www.beniculturali.it)
IL 31 MAGGIO, SE NON VERRA' MODIFICATO IL DECRETO URBANI

L'altro giorno è stato approvato (in tutta fretta) il decreto legge Urbani in Senato.
Questi i due punti sui quali non siamo d'accordo:
1) A fronte di un abbassamento della sanzione amministrativa per chi scarica file (da 1500 a 154 euro) è comparso il penale (4 anni di reclusione) per chi "trae profitto" dai file illegali (ossia tutti coloro che non hanno la copia originale di ciò che viene scaricato, cioè tutti).

2) Rifacendosi ad una legge del 1939, chiunque gestisca siti (anche amatoriali) deve avere 2 copie di ciò che pubblica depositate a Roma e Firenze (verrà precisato meglio dove, successivamente). E' logico che così la maggioranza dei siti amatoriali e di associazioni, organizzazioni di volontariato, pagine personali, dovranno chiudere. La rete sarà riservata ai siti superprofessionali che potranno fare il bello ed il cattivo tempo. Si bloccherà la libera circolazione di notizie.

Anche noi, come molti altri, ci rifaciamo all'articolo 3 della nostra Costituzione, che afferma: ""E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese." e chiediamo che venga rispettato.

PER QUESTI MOTIVI ABBIAMO ORGANIZZATO UN GIROTONDO TELEMATICO (NETSTRIKE) PER LUNEDI' 31 MAGGIO 2004 DALLE 15 ALLE 15.45 NEL CASO IN CUI PRIMA IL DECRETO NON VENGA MODIFICATO

Con questa azione (simbolica e nonviolenta) INVITIAMO TUTTI I CITTADINI (nel caso in cui prima non venga cambiato) A COLLEGARSI CONTEMPORANEAMENTE
AL SITO
www.beniculturali.it dalle 15 alle 15.45 di lunedì 31 maggio, per dare voce alla nostra protesta: non accetteremo che questo decreto impedisca la libera circolazione delle idee e penalizzi la libertà e l'eguaglianza dei cittadini

COSA PUOI FARE?

Prima del 31 maggio: diffondere il più possibile l'iniziativa

Spedendo questa e-mail ad amici, parenti e conoscenti ANCHE ALL'ESTERO!!!

Raccogliendo adesioni (da spedire a
net_urbani@bobi2001.it),
gruppi, associazioni, partiti e individuali.
Diffondendo il banner ed il suo collegamento che puoi trovare a
www.bobi2001.it
Scaricando e diffondendo il volantino: VAI A
www.bobi2001.it/netstrikeurbani.rtf


Se PRIMA il decreto non verrà modificato, il 31 MAGGIO dalle 15.00 alle 15.45: collegati e fai collegare più gente possibile al sito
www.beniculturali.it

PIU' SAREMO E PIU' LA PROTESTA RAGGIUNGERA' LA SUA EFFICACIA!!!!

FAI CIRCOLARE QUESTA MAIL IL PIU' POSSIBILE!

Gianfranco Mascia
gianfranco@gianfrancomascia.it

Bobi2001:
www.bobi2001.it "
Mi raccomando: boicottate il netstrike!)



| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|