| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 1321° Giorno

DLI
(Dopo Lib
erazione Italia)
Decidete voi che commenti fare.

Decidete voi che commenti fare.

La legge Cirielli, "scritta direttamente nello studio dell'avvocato Previti" (a detta dell'opposizione bolscevica), ha avuto l'ok dalla Camera.

 Si sta avverando quanto ho scritto in http://www.ilportoritrovato.net/html/dli1320.html .

Così, della mitica trinità, ne stiamo portando in salvo un altro!

Stay! &rea

P.S.(dalla pagina eversiva http://www.associazioneantigone.it/newsletter/newsletter%204.htm#osservatorio :

"La proposta di legge Cirielli “Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per i recidivi e di termini di prescrizione del reato”(A.C. 2055)

            La proposta di legge Cirielli sta per approdare nell’Aula di Montecitorio. Il provvedimento ha suscitato molte polemiche, e non solo perché potrebbe riaprire la strada alla norma “salva-Previti” (per cui il magistrato sarebbe obbligato a riconoscere la prevalenza delle attenuanti sulle aggravanti per gli incensurati con condanna inferiore ai 20 anni, riducendo così al massimo i tempi di prescrizione dei reati), già presentata da Mario Pepe di Forza Italia come emendamento all’ analoga proposta di legge dell’On. Dussin (poi ritirata per le polemiche); ma soprattutto perché, oltre a limitare fortemente la concessione delle attenuanti generiche, “stravolge” l’istituto della recidiva, irrigidisce il sistema del computo della pena per i recidivi reiterati, inasprendo più in generale il regime penitenziario anche in termini di concessione delle misure alternative e benefici (obbligando i recidivi, ad esempio, a periodi di detenzione più lunghi prima della concessione).

Il testo, in particolare, introduce forti rigidità nella concessione delle attenuanti generiche, che viene vietata nei casi di recidiva reiterata, di omicidio, di reati sessuali, di delitti commessi per finalità di terrorismo, di eversione dell’ordine democratico. E ancora, nei casi di sequestro di persona a scopo di estorsione, associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Per tali reati, dunque, si reputano sufficienti le attenuanti comuni.

Ma non basta. Si prevede anche il divieto di comparazione delle circostanze aggravanti ed attenuanti per i casi di recidiva reiterata, ”quei delinquenti condannati già tre volte e che non meritano certamente vantaggi nell’applicazione delle pene per nuovi reati commessi”, come riportato nella relazione alla proposta di legge.

Stravolto, inoltre, il sistema dell’applicazione della recidiva: viene infatti eliminata la discrezionalità in materia del magistrato (rispetto alla contestazione, ma anche al calcolo dell’aumento di pena). La recidiva, quindi, scatterebbe automaticamente per chi ha già commesso un reato.

        E vi è di più. La proposta Cirielli introduce forti limitazioni alla concessione dei permessi premio, della semilibertà, dell’affidamento ai servizi sociali, della detenzione domiciliare (che, ad esempio, può essere concessa ai recidivi reiterati solo una volta e nel caso che la pena inflitta non superi i due anni).

      Assume particolare rilievo che, in sede consultiva, la Commissione Affari Costituzionali, abbia sottolineato che l’inasprimento in via generale della normativa in tema di recidiva e, in particolare, la disposizione che prevede l’automatica applicazione dell’aumento di pena -senza, quindi, lasciare al giudice la possibilità di valutare anche altri elementi nel comminare in concreto la pena- ben potrebbe porsi in contrasto con il terzo comma dell’art. 27 della Costituzione (le pene devono tendere alla rieducazione del condannato).

C’è chi parla della legge Cirielli come una vera e propria “bomba legislativa”; non è difficile immaginare, infatti, che l’approvazione di tale provvedimento segnerebbe drammaticamente la già allarmante condizione di sovraffollamento in cui versano le carceri del nostro Paese.

")

P.P.S.(Ri-auguri! Adesso estendo anche ad una Befana Generosa per tutti i fratelli forzitalioti!)


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|