| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 1348° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Il nostro Paese

Il nostro Paese in mano a quel comunista feroce di Prodi.

Miseria, terrore, morte.

Eppoi non ditemi che il Nostro, l'Unto, il Libertador non è un poeta, un artista, un grande.

Ma lo sapete che ha detto ieri, a NeveAzzurra? Ma vi rendete conto di cosa è riuscito ad inventare? Ma vi sareste mai aspettati che un politico (per di più italiano) raggiungesse tali vette elegiache?

"Se la sinistra andasse al governo, questo sarebbe l'esito: miseria, terrore, morte. Così come avviene ovunque governi il comunismo. Non sarebbe lo Stato liberale che vogliamo noi".

Sono rimasto con la mandibola pendula...



So long, &rea



P.S.(Cenone di fine d'anno, Lui a Casino Casini: "Allora, prima o poi dovete dirmi cosa volete fare da grandi. Io, per me, un'idea ce l'avrei... Il Quirinale non mi dispiacerebbe affatto. Anche se sarebbe il posto ideale per Gianni Letta. Tu, Pier, cosa ne pensi?" Non sareste felici? Il cuore non vi batte forte? Non sareste orgogliosi di avere per presidente, per vostro rappresentante in giro per il mondo l'uomo delle corna in foto dei ministri europei, il falsetto di Apicella, l'avversatore di kapò, Romolo e Remolo, mister Robinson anziché Lord Robertson, e chi più ne ha più ne metta?)


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|