| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 1452° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Se i militari statunitensi

"Se i militari statunitensi hanno davvero rispettato le regole d'ingaggio, visto l'esito di questa vicenda, allora significa che ad essere sbagliate sono proprio le stesse regole d'ingaggio.", parole di quel genio di Calderoli (argomento: rapimento Sgrena), lo stesso parente del monsieur de Lapalisse che ha fatto uscire, qualche giorno fa, La Padania con l'articolo "La Lega è la Lega".

E Bruto è uomo d'onore: spergiuriamo, dicono gli USA, che non sapendo nulla su chi stesse arrivando, le nostre regole erano "shout, show, shove, shoot": grida, mostra, allontana, spara. Regole semplici, che chiunque, persino un marine americano, è in grado di capire. Poi però dicono che sono certi che l'auto non viaggiasse a 40 Km all'ora perché in quel mentre a Roma, alla Farnesina, erano riusciti a spiare funzionari del Sismi che si raccontavano come la liberazione della Sgrena fosse urgente perchè "la vorranno portare anche a Sanremo...". A questo punto non si capisce più se il Libertador s'è incavolato perché hanno ammazzato Calipari sapendo chi c'era in auto, perché la Farnesina è spiata dagli americani o perché questi ultimi cercano di far passare la liberazione della giornalista come un argomento per alzare l'audience (e per migliorare i successivi risultati elettorali).

In ogni caso non è che anche i fratelli americani c'abbiano fatto una gran figura... più o meno come quando quel geniaccio del colonnello Robert Potter del Comando Centrale statunitense s'è dimenticato di rendere immodificabili gli "omissis" del rapporto USA sul fattaccio "Sgrena-Calipari": semplicemente, collegandosi al sito della Forza Multinazionale in Iraq, chiunque può leggere sotto le "pecette" del documento il nome di Mario Lozano, origine spagnola, membro della Guardia Nazionale newyorkese, autore della morte del nostro agente. O tanti altri simpatici particolari.

Guardia Nazionale... forse è per quello che Calderoli s'è sentito affratellato ai fratelli americani... avrà pensato a qualche geniaccio della Guardia Nazionale Padana in pancia e camicia verde nella stessa situazione...

Mah! Povero Libertador, anche questa storiaccia non finisce più... bravo è bravo (lo sappiamo tutti), ma forse è vero che è davvero sfigato...
So long!
&rea

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|