| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 1681° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Borghezio massacrato da un gruppo di animali antiTAVisti sul treno!

Invano la difesa di Luciano Muhlbauer, consigliere lombardo di Rifondazione Comunista: "Ero presente: non sono stati i manifestanti padovani anti-tav ad aver picchiato l'europarlamentare della Lega.[...] I manifestanti padovani che hanno preso parte al corteo anti-tav non c'entrano nulla con l'aggressione all'europarlamentare leghista Mario Borghezio che sul treno in cui sarebbe stato aggredito era accompagnato da due poliziotti.[...] Evidentemente a qualcuno non è andato giù il corteo e allora bisognava inventarsi qualcosa per riaccreditare il teorema delle infiltrazioni dei "violenti, autonomi e anarcoinsurrezionalisti".[...] Partiamo dai fatti. Circa 500 manifestanti hanno preso il treno delle 19 a Torino e a loro erano riservate cinque carrozze, che infatti erano vuote, salvo l'incredibile presenza di Borghezio e di due suoi accompagnatori, una donna e un uomo, risultati poi dei poliziotti. Qualcuno lo ha riconosciuto e dalle carrozze sono accorse decine di persone. Si è creata immediatamente una grande calca nei corridoi. Dopo pochi minuti sono giunto sul posto e insieme ad altri abbiamo creato un cordone attorno Borghezio e agli accompagnatori. Borghezio aveva qualche traccia di sangue sul viso.[...] Oggi abbiamo saputo che i due accompagnatori erano agenti di polizia e che dei manifestanti sono stati identificati a Padova, additandoli come i responsabili dell'accaduto. È inquietante che le forze dell'ordine abbiano deciso di assecondare la palese provocazione di Borghezio, mettendogli persino a disposizione due agenti. I manifestanti padovani non c'entrano proprio nulla, visto che si trovavano due o tre carrozze più avanti rispetto al luogo dei fatti.".

Invano... a chi credereste, ad un Borghezio ("Un incubo, ora so cosa significa trovarsi dentro un incubo. Il mio è durato 15 minuti. Il peggior quarto d'ora della mia vita. Se non ci fossero stati quei due agenti della Polfer, due angeli custodi che si sono presi un sacco di botte anche loro, non sarei qui a raccontarlo." E poi... "certo se avessi immaginato che sarebbero saliti in 400, non lo avrei fatto."... Certo... d'altronde il Bisunto aveva sempre parlato al più di 4 gatti arrabbiati della Val Susa... e la Digos non l'aveva troppo convinto con i suoi consigli di evitare quel convoglio...), oppure ad un gruppo di "violenti, autonomi e anarcoinsurrezionalisti" manifestanti anti-TAV? Voi, fratelli forzitalioti, non avete dubbi!

So long... &rea


P.S.(Pisanu, ministro del Bisunto: "PROVOCAZIONE A PARTE, l'aggressione all'onorevole Borghezio è un atto di intollerabile violenza politica e ci ricorda che gli estremisti sono sempre pronti a entrare in azione e a sporcare manifestazioni pacifiche."... PROVOCAZIONE A PARTE? Ma cos'è, l'amico del giaguaro? Pisanu, noi del Centro-Destra siamo sempre innocenti come colombe!)


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|