| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE |
| L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 516° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)

... e se fosse già una manovra pre-elettorale?


... e se fosse già una manovra pre-elettorale?
E se che il Libertador si fosse accorto (come ha detto il leninista D'Alema
la scorsa settimana) che, nonostante la Sua incomparabile efficacia, i suoi
compagni d'avventura non fossero all'altezza?
Vediamo chi non s'è ancora lamentato della, parole Sue, "super finanziaria".
La Confindustria? Un covo di bolscevici.
L'Europa? Una tana di comunisti.
Gli esperti di economia e di politica? Un drappello di ideologisti rossi.
Nè l'opposizione (ovviamente), nè il Presidente Ciampi, nè, nè, nè...
Gli unici che, finora, non si sono lamentati, sono i sindacati. E non parlo
della Cgil, ovviamente di parte, ma della porzione sana: Cisl e Uil, i
firmatari del "Patto per l'Italia". Furbi come delle volpi,
Angeletti&Pezzotta notano con piacere che questo miracolo di manovra ha
donato ben 226 euro annuali a famiglia, senza tagli evidenti (a parte il
Sud, gli ospedali, la scuola, gli enti locali... ma ciò che non si vede, non
inficia il risultato). Di conseguenza, questa manovra ed il suo principale
artefice, il Libertador, sono dalla parte dei poveri!
Quindi?
E se ci fossero delle belle elezioni anticipate per sgravarsi del peso morto
degli inefficienti e per continuare, più soli ma più forti, la strada della
Sua Luce? La sinistra rossa non sarebbe ancora pronta...
Conducici, o Libertador. Noi sì, che ti lasciamo lavorare! Conducici ad una
nuova vittoria!

Stay,
&rea



| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|