| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE |
| L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 706° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
All'hotel Palestine


All'hotel Palestine aumenta il conto dei morti tra i giornalisti grazie al "fuoco amico" di un tank della III divisione americana - il quale, secondo l'Us Army, voleva colpire cecchini iracheni e granatieri anticarro - , ma
"Le forze americane non colpirebbero mai intenzionalmente i rappresentanti dei media" - ci dice il capitano Frank Thorp - anche se "Sin dall'inizio abbiamo detto molto chiaramente che Bagdad sarebbe stata molto pericolosa, è zona di guerra".

Come sappiamo, i media sono tutti in mano dei rossi: David Charter (inviato di Sky News), ha negato la presenza di combattenti nell'edificio totalmente abitato da giornalisti... "Non ho sentito un solo colpo in questa zona, certamente non dall'albergo".

Commovente l'appoggio del Nuovo e Radioso Governo a fratello Bush: ieri, sia destra che sinistra hanno duramente biasimato la scarsa sicurezza in Iraq di chi rende l'umanità edotta e partecipe di questo terribile momento, solo che... i Nostri hanno messo in dubbio - pubblicamente ed in sede ufficiale - che il tank fosse proprio americano! Peccato che gli americani avessero già confessato...

Stay    &rea

P.S.(passa la legge Gasparri con il testo rovinato dai rossi... tanto, al Senato si rimette tutto a posto!)


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|