| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE |
| L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 715° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Forcolandia ci isola


Forcolandia ci isola.
Martedì sera Kofi Annan incontra svedesi, irlandesi, francesi, tedeschi, inglesi, spagnoli... ed il Libertador niente.
Giorno dopo: Spagna, Inghilterra, Germania, Francia si incontrano per stendere un documento (virtuale, come vedremo sotto) sul dopo guerra irakeno; Annan incontra i russi; i piccoli ed i nuovi paesi fanno una riunione tra di loro... ed il Nostro niente.

Poi Chirac fa un'uscita molto francese sull'inutilità della rotazione della presidenza (se sono sciovinisti!) ed il Libertador rincara domandando l'abolizione della Commissione... forse era meglio se non la domandava: non è stato compreso! Né dagli ambienti politici e neppure dai media (che, notoriamente, sono tutti in mano dei rossi).

Chirac rifiuta un incontro bilaterale con l'Unto (forse temeva di non esserne all'altezza... vi ricordate? L'ha detto Lui un annetto fa, che è il migliore sulla piazza!), accenna al sopraddetto documento che i quattro grandi hanno consegnato alla Grecia (semestre di presidenza greco), documento la cui esistenza aveva appena smentito sia il Nostro che il bel Frattini: il Libertador afferma allora che "non c'è bisogno di ricucire con Francia e Germania".

Giorno dopo: il Libertador racconta che l'uscita sull'abolizione della commissione fatta 24 ore prima era uno scherzo (vista l'entità delle affermazioni, bisogna assolutamente credergli), e dice che, se il documento sul dopo guerra è stato scritto dai 4, Lui non lo firmerà: la Grecia gli dice allora che può stare tranquillo, l'ha scritto con le proprie manine elleniche, che va tutto bene, che l'hanno già firmato tutti, ed il fanciullo che c'è nell'Unto si commuove e Lui firma.

Terminati tutti gli incontri, deciso ormai tutto, Annan e Chirac trovano coraggio per incontrare il più grande statista della piazza, il quale asserisce (mentre i falsi Prodi e Simitis accettano per il momento la presenza balcanica, turca, bulgara e rumena, ma non degli altri, che condivideranno "con l'Europa tutto, tranne le istituzioni") che "nessuno ha contestato la mia idea" di un'Europa "dalla Russia a Israele".

Per fortuna che resta Fratello Bush, a consolarci!

Stay!   &rea

P.S.(Libertador imputato - concorso in corruzione di atti giudiziari - deve allontanarsi dall'aula per gravi motivi: "Ritenevo e ritengo che dovrebbe

essere riconosciuto al cittadino Berlusconi il merito per aver evitato una spoliazione del patrimonio dello Stato. Mi aspettavo una medaglia d'oro al valore civile per aver fatto guadagnare cinque volte tanto lo Stato nella vendita della Sme". [...] Mi sembra che quello che ha decretato il Parlamento si sia confermato: un fumus persecutionis, su cui c'è stato un voto dell'istituzione a cui il popolo conferisce la sovranità, il Parlamento. Quindi mi sembra non si possa negare questo fatto: che Previti - nota di &rea: la sua ultima ricusazione è stata ricusata,... maledetti! - sia oggetto di una persecuzione, confermato da un voto del Parlamento italiano". Ma prima o poi le toghe rosse la pagheranno...)


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|