| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 839° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Non sa più cosa escogitare

 

Non sa più cosa escogitare, il Nuovo e Radioso Governo, per rallegrare le nostre vacanze.
E così ha inventato una nuova versione di fantacalcio.
Vi risparmio tutte le storie passate su Catania, Carraro, Roma, Napoli, finte fideiussioni, eccetera, per portarvi al presente.

La storia inizia con una frase del Libertador, datata 10 corrente mese: "La politica resti fuori dallo sport".
Ed è così che, da un paio di giorni, abbiamo un decreto legge composto dai quattro articoli a seguire, approvato dai nostri Pezzi Grossi, ma con N.N. che si schiera a fianco dei comunistoidi nel non votarlo (in Padania non si gradisce il Tar unico del Lazio e la non riammissione di Bergamo in A (a scapito dei magna-magna di Roma).

======================================================================
                               Art. 1.
                          Principi generali
[...]
                               Art. 2.
                 Autonomia dell'ordinamento sportivo
  1. In applicazione dei principi di cui all'articolo 1, e' riservata
all'ordinamento  sportivo  la  disciplina  delle  questioni aventi ad
oggetto:
[...]
    c) l'ammissione e l'affiliazione alle federazioni di societa', di
associazioni sportive e di singoli tesserati;
    d)  l'organizzazione e lo svolgimento delle attivita' agonistiche
non  programmate ed a programma illimitato e l'ammissione alle stesse
delle squadre ed atleti.
  2.  Nelle  materie di cui al comma 1, le societa', le associazioni,
gli  affiliati  ed  i  tesserati  hanno  l'onere di adire, secondo le
previsioni   degli   statuti  e  regolamenti  del  Comitato  olimpico
nazionale  italiano  e delle Federazioni sportive di cui gli articoli
15 e 16 del decreto legislativo 23 luglio 1999, n. 242, gli organi di
giustizia dell'ordinamento sportivo.
                               Art. 3.
         Norme sulla giurisdizione e disciplina transitoria
  1.  Esauriti  i  gradi della giustizia sportiva [...]
  2.  La competenza di primo grado spetta in via esclusiva, anche per
l'emanazione   di   misure  cautelari,  al  tribunale  amministrativo
regionale  con  sede  in  Roma. [...]
  3.  [...]
  4. Le norme di cui ai commi 1, 2 e 3 si applicano anche ai processi
in corso e l'efficacia delle misure cautelari emanate da un tribunale
amministrativo  diverso  da  quello di cui al comma 2 e' sospesa fino
alla  loro  conferma,  modifica  o  revoca  da  parte  del  tribunale
amministrativo  regionale  del  Lazio,  cui la parte interessata puo'
riproporre  il  ricorso e l'istanza cautelare entro il termine [...]
  5.  Alla  luce  del disposto di cui all'articolo 1, in applicazione
dell'articolo  2,  comma 1,  tenuto conto dell'eccezionale situazione
determinatasi  per  il  contenzioso  in  essere, il Comitato olimpico
nazionale  italiano, su proposta della Federazione competente, adotta
i  provvedimenti  di  carattere  straordinario  transitorio, anche in
deroga  alle  vigenti  disposizioni  dell'ordinamento  sportivo,  per
assicurare l'avvio dei campionati 2003-2004.
                               Art. 4.
                          Entrata in vigore
  1.  Il  presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua
pubblicazione  nella  Gazzetta  Ufficiale della Repubblica italiana e
sara' presentato alle Camere per la conversione in legge.
  Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito
nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
    Dato a Roma, addi' 19 agosto 2003
                               CIAMPI
                              Berlusconi,  Presidente  del  Consiglio
                              dei Ministri
                              Urbani,   Ministro  per  i  beni  e  le
                              attivita' culturali
Visto, il Guardasigilli: Castelli
======================================================================

Quindi ora abbiamo una serie B con 24 squadre, l'Atalanta resta in B, Roma e Napoli, al momento, si salvano, Catania (la nera Catania), salvata da un La Russa che, altrimenti, non avrebbe neppure votato il decreto, un Pisa che si vede scavalcato dalla nemica squadra viola, proveniente da un inferno che l'aveva accolta, unica, quando s'è deciso di punire un patron bolscevico.

Un Pisa che rilascia, inoltre, il seguente comunicato: "La società neroazzurra ritiene, in virtù del meccanismo dei ripescaggi, di aver acquisito il pieno ed incontestabile diritto a prendere parte al prossimo campionato cadetto, unitamente a Catania, Genoa e Salernitana, retrocesse in serie C1 al termine della stagione sportiva 2002/2003, e al posto del Cosenza anch'esso retrocesso ma escluso dai campionati per inadempienze economiche con delibera assunta il 31 luglio scorso del Consiglio Federale della Figc.[...] Al termine dello scorso campionato di serie C1, ha ottenuto l'accesso ai play-off, nonché alla relativa finale, persa con l'Albinoleffe.[...] Qualora gli incontestabili diritti della società toscana non venissero riconosciuti si profila, comunque, all'orizzonte una dura battaglia legale presso tutti i tribunali competenti, sportivi ed ordinari". Da notarsi che i pisani hanno una situazione finanziaria unica in Italia, con saldi perfetti sia nei confronti dell'erario, che della previdenza, che dei soci e dei tesserati.

Temi simili si percepiscono da Atalanta e da Piacenza.
Non dimentichiamo l'Aquila, i cui giocatori hanno persino fatto lo sciopero della fame, ottenendo il giusto riconoscimento del loro Tar locale...

Beh? Che ve ne pare? Vi stavate annoiando, sotto l'ombrellone? Avete qualcosa di nuovo da leggere, qualcosa di appassionante da seguire? Che ne pensate di questo Nuovo e Radioso Governo che una ne fa e cento ne pensa? Che ne dite di questo Libertador che, dopo di aver detto qualche anno fa a Zoff che era un coach incompetente, si riinventa di nuovo leader degli sportivi? Vi siete dimenticati, per qualche giorno, del caldo, del traffico (ancora 100 giorni e vedrete il passante di Mestre, vedrete...) e della sete (ancora 100 giorni e vedrete i nuovi acquedotti del sud, vedrete...)? Restate in linea: con noi il divertimento è sempre assicurato!

Stay,   &rea


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|