| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 852° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Dal giornale del futuro


Dal giornale del futuro, 7 novembre 2003: Telekom Serbia.
Stamane, in presenza di pochi eletti della Caserma delle Sue Libertà, in una sala del carcere delle Vallette di Torino, un facchino del mercato dell'ortofrutta di Brescia ha ribaditi che Prodi ha intascato 100 milioni di dollari, Fassino 75, Dini 50 e Ciampi una cifra non bene identificata.

Il pagamento è stato in moneta sonante (100 miliardi, 200, 300,... 900 - ah, no, la tangente totale pagata da Telecom era di 800 -), soldini consegnati a Prodi, Fassino, Dini, Rutelli, Veltroni, Mastella e quant'altri del centrosinistra si trovasse a passare nel raggio di 900.000 Km da Roma.

Il leghista Roberto Calderoli (vicepresidente del Senato, membro della Commissione Telekom, uno dei mitici 4 saggi 4): "Ho trovato una persona di una memoria che fa impallidire Pico della Mirandola. E' intelligente, sveglio, preparato".

Carlo Taormina (deputato forzitaliota): "E' venuto il momento che Prodi, Fassino e Dini subiscano le conseguenze della più devastante delle corruzioni che mai sia stata consumata nella storia della Repubblica. Gli uffici giudiziari debbono comportarsi di conseguenza provvedendo all'arresto di questi personaggi".

Come il 7 agosto Taormina si rivolse al nostro informatore in merito a Ciampi (non Ciampi della "Pizza e fichi S.p.A.", nonno Ciampi, il presidente... NOooo, non il Presidente del Milan, solo il presidente... "Ricordo perfettamente che la domanda a Marini la feci io. Chiesi: ha per caso mai sentito il nome di Ciampi in questa storia di Telekom?"), così stamane, 7 novembre, gli ha rivolto una domanda ficcante: "Ha per caso mai sentito il nome del Papa in questa storia di Telekom?".

La prima risposta è "No, Papa Wemba non mi risulta...", ma il nostro segugio Taormina ci racconta che, poco dopo, "dopo aver negato ogni coinvolgimento in dazioni dirette o indirette di denaro, Marini aggiunse qualcosa. Una circostanza precisa...": "Ah, QUEL Papa, il terrorista polacco... Fu l'avvocato Paoletti!".

Riporta fedelmente Taormina: "Marini sostiene che il pranzo di Paoletti col Pontefice era non lontano da Fregene. Santa Severa se non sbaglio.[...] Marini sostiene che Paoletti vantava una frequentazione col Papa, al punto di sedere al tavolo degli ospiti di onore.".

Eccetera eccetera.
E così faremo fuori anche il Woitylaccio... e poi su, toccherà a quell'Altro, Quello che unge sempre il nostro Libertador: come highlander, ne resterà uno solo!

Stay &rea

P.S.("Roma, 12:56 -Telekom Serbia, Schifani: Ulivo tira in ballo Ciampi - Il presidente dei senatori di Forza Italia, Renato Schifani, rispetto alla vicenda Telekom Serbia ha detto che: "Se c'è qualcuno che vuole tirare in ballo Ciampi per alzare cortine fumogene non è il centrodestra ma l'Ulivo, in grosso affanno e in imbarazzo" .(red)". Eh? Che ve ne pare? Evviva la fantasia al potere!)


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|