| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

&REA 952° Giorno

DLI
(Dopo Liberazione Italia)
Tiziana Valpiana, relatrice di minoranza della legge sulla fecondazione assistita:

Tiziana Valpiana, relatrice di minoranza della legge sulla fecondazione assistita:

"[...]In nome di un presunto (e pericoloso) diritto alla "identità genetica" del concepito, viene vietata l'inseminazione "eterologa", dimenticando che la vita non è un puro atto di fusione dei gameti e la scelta della maternità/paternità non è la mera trasmissione di un corredo cromosomico, ma un atto di amore e di assunzione di responsabilità sociali ed educative. Davanti a questa proibizione, donne e coppie che 'vogliono' un figlio loro non rinunceranno certo; il desiderio di maternità di una donna è pronto a pagare qualsiasi prezzo: andranno dove le possibilità sono maggiori e i divieti non ingabbiano i desideri.

Il turismo procreativo si affiancherà ad altri tristi fenomeni, ancora una volta consentendo alle donne facoltose ciò che alle altre è vietato (anche perché, vergognosamente, ai molti limiti e alle discriminazioni, l'attuale maggioranza e il Governo di centro-destra hanno voluto aggiungere la più odiosa tra tutte, quella economica, togliendo la fecondazione assistita dai livelli essenziali di assistenza a carico del Servizio Sanitario). Norme proibizioniste rispetto a un fenomeno non circoscrivibile nei confini nazionali non faranno che riversare nei paesi confinanti i problemi qui non affrontabili, permettendo così alle donne e alle coppie 'ricche' quel figlio che alle altre è negato: un nuovo inaccettabile privilegio...

Si vieta la donazione di gameti, ma ipocritamente si prevede l'obbrobrio giuridico dell'adozione degli embrioni, grazie al quale sarà possibile impiantare nell'utero di donne sterili ovuli fecondati di altre donne...

Attraverso il divieto di crioconservazione di gameti ed embrioni e di produrre più di tre embrioni alla volta da trasferire "contestualmente" in utero, questa legge è un attentato alla salute delle donne, obbligate a sottoporsi a più e più cicli di cure, per avere una speranza o una possibilità e, in nome dei diritti del concepito, a subire l'impianto di ogni embrione prodotto, anche se malformato o se lo stato di salute della donna non lo consente...

E che dire poi dell'accanimento proibizionista e punitivo che, con il divieto dell'anonimato della donna che è ricorsa alla fecondazione assistita al momento del parto, 'condanna' il bambino a vivere con una madre che, per i mille insondabili motivi che la vita riserva, non è più in grado di assumersene la maternità?[...]"

Cara miss Valpiana, vediamo i punti toccati:
1) turismo procreativo? Solo i ricchi potranno permetterselo: questo è finalmente un controllo sulla demografia di voi comunistacci (in Italia circa cinquantamila bambini sono nati, negli ultimi anni, con l'inseminazione eterologa)!

2) inseminazione eterologa no ed adozione dell'embrione si? Ed i medici, dove li mettiamo? Quelli ci facevano la guerra, se non gli davamo almeno questo contentino...

3) obbligo dell'impianto di ogni embrione (anche malformato), salvo successivo aborto? Beh, e la sperimentazione, dove la mettiamo? Dopo la caduta del Terzo Reich non siamo più riusciti ad avere un po' di mano libera... e poi (come hanno già proposto il sen. Ronconi - Udc - ed il cardinal Tonini) mica è detto che la legge sull'aborto non si possa rivedere sostanziosamente... altro che non essere in grado di sostenere maternità!

Stay!                   &rea

P.S.(Freimut Duve, capo della sezione per la libertà di stampa dell'OSCE - Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa -, se n'è uscito con questo commento relativamente alla legge di Purgar Rai Mi Saziò sulla concentrazione dei media: "Stabilisce un precedente molto pericoloso.[...] Quando nel 1997 fu creata questa sezione all'interno dell'Osce nessuno avrebbe previsto che un primo ministro di uno dei paesi membri dell'Unione avrebbe organizzato la legislazione sulle telecomunicazioni in modo da favorire il suo progetto politico e gli interessi economici suoi e della sua famiglia.". E allora? Solo perché non siete stati previdenti, una legge sanissima, "sartoriale" per il Libertador - vedi http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI881.html , http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI817.html , http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI816.html , http://www.ilportoritrovato.net/html/DLI791.html ed altri - non si poteva varare? Rivedete le vostre posizioni, o voi di Forcolandia!)

P.P.S.(Ennesima lezioncina dell'Unto, invitato dal suo grande amico Vespa: i giornali sono "obsoleti: le massaie non li leggono, sono fatti per l'elite."... quindi... eliminiamoli, o mettiamoci giochini a premio, fotine dell'isola dei famosi, interviste piccanti sulle veline!)

P.P.P.S.(Sempre il Libertador da Vespa: "Non potete fermare il progresso tecnologico. Voi non potete fermare il digitale. Quando la tecnologia presenta delle forme possibili di comunicazione, non la si può fermare. Questo è il progresso che avanza..."... è per questo che abbiamo votato la legge di Purgar Rai Mi Saziò, per il progresso, mica per altro, veh!)

P.P.P.P.S.(Ultima chicca della trasmissione sopra: "L'Italia è ai primi posti per assoluta e totale libertà di stampa.", ovvero cinquantatreesima, più o meno subito dopo il Madagascar... Mica cinquantaquattresima!)

P.P.P.P.P.S(Antonio Marzano - ministro Attività produttive e Purgar Rai Mi Saziò - ministro Comunicazioni - sono entrambi indagati nell'inchiesta di Henry John Woodcock - sostituto procuratore di Potenza - per tangenti: finalmente anche questi ragazzi cominciano a fare un po' di gavetta! Ora potranno aspirare a divenire persino Presidenti del Consiglio!)


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|