| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

GIULIETTO CHIESA
AVVENIMENTI
n.01/30/11/2001

I molti padri del terrorismo

La più grande travolgente avanzata cui abbiamo assistito in queste ultime settimane di guerra è stata quella dell'inganno della verità. Il migliore, il più potente esercito entrato in campo è stato dei media. L'obiettivo principale, centrato e demolito dalla potenza di fuoco dei B-52, rappresentati dai telegiornali principali, è stato quello di esaltare il “successo militare” dei bombardamenti americani (quelli veri, quelli fatti con i veri B-52). Avete visto, voi scettici, voi tiepidi, voi quinte colonne (consapevoli o inconsapevoli) di Osama Bin Laden, che la guerra paga? Alleanza nazionale ci ha fatto perfino i manifesti. Come se qualcuno avesse mai potuto dubitare dell'esito di un confronto così impari, tra la maggiore potenza mondiale, tra la capitale dell'impero planetario, e un piccolo paese martoriato, affamato, ridicolmente indifeso, guidato da un gruppo di semi-analfabeti violenti e primitivi. Qui l'inganno ha travestito le posizioni in modo tale che coloro che si opponevano ai bombardamenti venissero presentati come coloro che difendevano i taliban. Quindi la demolizione dei taliban è stata presentata come se ad essere demoliti fossero coloro che si opponevano alla guerra. Il “trionfo” lontano è divenuto un trionfo “nostrano”.

E, nello stesso tempo, si è lavorato per far passare l'idea che coloro che si dichiaravano contro la guerra erano anche dei disfattisti, che non volevano che si combattesse contro il terrorismo. Cioè, di nuovo, come alleati di Osama Bin Laden. Il che è stato la ripetizione pedissequa dello scenario mediatico jugoslavo. Gli oppositori della guerra sono stati trasformati ipso facto in alleati di Milosevic e in sostenitori della pulizia etnica. Nell'un caso e nell'altro la chiave di fondo della falsificazione è stata la “necessità” della guerra, la sua “inevitabilità”. Purtroppo “non c'era altro da fare”. La guerra è sporca comunque, siamo addolorati, viviamo nel travaglio, ma “non c'è alternativa”. La stragrande maggioranza dei deputati italiani ha votato, abbracciandosi e indossando la divisa, inchinandosi alla TINA (There Is No Alternative). La stessa divinità, a ben vedere, che presiedeva, fino al 10 settembre ultimo scorso, alla realizzazione del pensiero unico della globalizzazione americana.

Dunque, non essendoci alternativa, chiunque si opponesse all' “unica possibilità” diventava immediatamente un traditore della Causa, dell'Occidente, della Civiltà. Così si è chiusa la discussione, perentoriamente. Alle voci diverse, al dissenso, si è riservato lo spazio delle riserve indiane.

Tanto per salvare la faccia del pluralismo dell'informazione. Ma la “musica di fondo” è stata assicurata senza la minima incrinatura. Tutti i giornali d'informazione (qualifica sempre più esilarante, date le circostanze) hanno scelto la guerra, senza la minima esitazione, senza la minima incrinatura. Le prime pagine, gli editoriali, i titoli, le immagini (sempre con la salvaguardia di qualche eccezione) sono stati tutti in una identica direzione, senza distinzioni significative tra destra, centro e centro sinistra. Inutile particolare dei telegiornali dei talk show, e di tutto quanto “fa notizia” passato attraverso gli schermi televisivi. Esattamente sulla falsariga della guerra jugoslava.

Abbiamo vissuto e viviamo con il sottofondo incessante della stessa musica, anzi nella ossessiva ripetizione di un solo leitmotiv. Di cui fanno parte integrante alcuni ritornelli di contorno, funzionali all'istupidimento collettivo. Tra questi dell'inedita, straordinaria e meravigliosa “Grande Alleanza Mondiale” (GAM) che accompagnerebbe questa guerra al terrorismo. Una GAM di cui farebbero parte, insieme all'America, all'Europa, anche la Russia e la Cina, per non parlare dei regimi arabi “moderati” (si noti anche la finezza mistificatrice di questa parola) come l'Arabia Saudita, il Pakistan, gli Emirati Arabi Uniti. Se poi si guarda bene dentro la GAM si scopre subito che la Cina ci sta con i suoi concreti interessi, con i quali fino a ieri l'Occidente non era affatto conciliante. Si è scambiato Tibet e le rivendicazioni autonomistiche degli Iuguri dello Xinjiang in cambio di una dichiarazione di solidarietà. Per il resto Pechino se ne sta accoccolata sulla rive del fiume in attesa di vedere passare il cadavere del nemico. Anche perché la Cina è ormai l'unico paese del pianeta che può prendere le proprio decisioni a partire dei propri interessi nazionali, e senza essere costretta a piegarsi alle decisioni di Washington. E soprattutto perché la Cina sa perfettamente di essere il numero uno della lista dei futuri nemici di Washington. Non ora ma nel 2017, secondo i calcoli del Pentagono recentemente pubblicati.

Si scopre subito che la Russia ci sta, nella GAM, in modo molto precisamente delimitato. In primo luogo ci sta in cambio del silenzio definitivo dell'America e dell'Occidente sulla Cecenia. Ci sta in modo così condizionato che l'ultimo lungo week end americano di Vladimir Putin nel ranch di George Bush non ha prodotto una sola riga di accordi politici tra Russia e USA in materia di trattato ABM e di allargamento a est della NATO. Ci rappresentano questi due paesi, Cina e Russia, come giganti ebeti inchinati alla grandezza inesorabile dell'America, mentre è chiaro come il sole che entrambi, seppure con diversi gradi di libertà, stanno osservando molto guardinghi la guerra afghana e quell'altra guerra più vasta che si annuncia.

Per esempio la Russia – che non ha concesso né le proprie truppe, né il proprio spazio aereo, sebbene le pressioni perché lo facesse siano state eccezionalmente forti – non è sfuggito sicuramente che Washington ha approfittato della crisi per insediarsi stabilmente, con la propria presenza militare, sia in Turkmenistan che in Uzbekistan. Non poteva impedirlo, è chiaro, ma non lo ha gradito. E una delle ragioni che possono spiegare l'improvvisa “rottura dei patti” delle truppe tagike, e la loro occupazione di Kabul prima di un'intesa politica generale, sta proprio nella scelta di Mosca di aumentare il loro (e il proprio) peso negoziale nelle trattative sul futuro dell'Afghanistan.

Anche perché sarebbe davvero ingenuo pensare che Mosca non sappia chi ha messo in piedi il regime dei taliban, e che dietro alle manovre del Pakistan c'erano le compagnie petrolifere statunitensi e arabo saudite (Unocal Corp e Delta Oil), spalleggiate attivamente dal Dipartimento di Stato, il cui scopo – niente affatto indolore per Mosca – era quello di tagliare fuori la Russia dal controllo, sfruttamento e royalties di passaggio del petrolio del Mar Caspio. Le cose sono andate per il verso storto, come sappiamo, e adesso Putin vuole assicurarsi che gli oleodotti, che sicuramente transiteranno attraverso il futuro Afghanistan, eventualmente “pacificato”, siano comproprietà russa.

Di tutto questo complesso lavorio sotterraneo , che accompagna il “trionfo” sui taliban, non si scrive e non si dice quasi niente. E' faccenda riservata a qualche “approfondimento” nelle riserve indiane. A volte si direbbe che i più raffinati commentatori di politica estera, e di economia, siano improvvisamente diventati delle mammolette ingenue, che ragionano in termini di “nobili principi”, spacciandoli per le vere ragioni di un conflitto che ne ha altre, molto più concrete e sfortunatamente meno nobili. In tal modo si è perso di vista – come ha scritto Sergio Romano, uno dei pochissimi analisti a non aver perso la testa in questa situazione – che la “guerra ha cambiato carattere” e, “dopo essere stata, all'inizio, una guerra contro Osama Bin Laden e la sua organizzazione, è diventata l'ennesimo episodio di un vecchio conflitto, che si combatte da più di un secolo e mezzo”. L'unica cosa che non era necessario aspettare gli ultimi sviluppi per vedere questa strana evoluzione. E per capire che questa guerra non finisce affatto con la conquista di Kabul da parte dei tagiki, punta di lancia di quella altrettanto mistificante entità definita Alleanza del Nord. Un' Alleanza che non è mai realmente esistita e che già sta svanendo sotto i nostro occhi anche come simulacro. I mistificatori – che sono poi gli stessi che mistificarono i mujaheddin in lotta contro i sovietici – pensano che in seguito, quando le notizie da Kubul saranno divenute “meno interessanti”, e si potranno quindi nascondere al grande pubblico, non sarà più così importante dare spiegazioni per quello che accadrà tra quelle montagne.

Esattamente come fecero tra il 1992 e il 2001, “dimenticando” l'Afghanistan perché non avrebbe saputo spiegare le mostruosità che vi accadevano. Non è una profezia, è la semplice, banale constatazione che le guerre afghane sono sempre state guerre per procura, combattute dalle fazioni ed etnie afghane per conto degli stati terzi, vicini e lontani all'Afghanistan. E non è pensabile una pace fino a che non cesseranno le interferenze dall'esterno e, cioè finché non verranno composti gli interessi internazionali che premono sull'Afghanistan.

Questa è la verità che si sarebbe dovuta dire, fin dall'inizio, e quella che non si vuole dire nemmeno adesso. Ecco perché si vuole rubricare il tutto in fretta come una vittoria, prima di dover fare i conti veri con la storia (e anche con una cronaca giustiziera che diventa sempre più ravvicinata). Certo la capitale dell'impero si gioverà dei mezzi di cui dispone per convincere e per costringere: finanziari, economici, militari. Ma i suoi interessi geopolitici non coincidono con quelli degli altri giocatori dell'area. E quindi non potrà realizzare i suoi progetti senza concordarli con loro. Il che è possibile, e perfino augurabile, ma non è affatto assicurato. L'unica cosa che non si può dire – senza tema di smentite – è che con la sconfitta dei taliban finirà il terrorismo. Per la semplice e banalissima ragione che il terrorismo non lo si può bombardare, perché la sua testa velenosa è troppo vicina a noi, e sarebbe troppo imbarazzante e pericoloso scoprirla tanto vicina. Si è bombardato l'Afghanistan esattamente perché si voleva che l'opinione pubblica mondiale “guardasse da un'altra parte”. Là, sotto la coperta dei taliban, c'era un pezzo del terrorismo, la sua immagine sbiadita riflessa in uno specchio. Ma la centrale del terrorismo è altrove e, dunque, non sarà stata smantellata quando i taliban saranno stati annientati. La mia risposta a coloro che, non avendo altri argomenti, si rifugiano nella domanda: “ma lei cosa avrebbe fatto””, è questa: il terrorismo che ha abbattuto le Twin Towers non è affatto soltanto “islamico”. E' “anche” islamico e fanatico, ma è “anche” il frutto di un calcolo più vasto che non è ancora stato scoperto. E non lo è stato perché non si è voluto farlo. La linea che si è scelta, quella di una guerra contro un paese e un popolo (comunque si cerchi di mascherare questa realtà) è una mostruosa cortina fumogena, simile ma peggiore di quella che fu inventata per creare la guerra jugoslava. Il che non significa che non fosse possibile risalire ai mandanti e organizzatori dell'atto di terrore. Bastava cominciare le indagini, seguire le piste e gli indizi fin troppo abbondanti che già esistevano. Come si fa in ogni indagine criminale. E il maggior indizio, il più clamoroso, era rappresentato dal silenzio generale di tutti i servizi segreti occidentali. Solo un gruppo equivalente a un servizio segreto, dotato di tutte le sue competenze, poteva realizzare un'operazione di quella portata. Probabilmente siamo di fronte a un gruppo ristretto e potentissimo (condizione assoluta per poter mantenere la segretezza per un periodo di tempo così lungo) comprendente spezzoni autonomi, incontrollati, di più d'un servizio segreto, che perseguivano un disegno comune e che, per tutti questi motivi, sono riusciti a rendere praticamente impotenti tutti i più importanti servizi segreti dell'Occidente. Là si doveva cercare e non si è cercato. Perché non si poteva andare a cercare proprio là dove si sarebbe dovuto. Nei grandi centri del potere finanziario internazionale, che hanno trascinato per i capelli il pianeta verso la catastrofe nell'ultimo quindicennio dissennato.

Ipotesi mostruosa? Solo un'ingenuità imperdonabile può escluderla. E' proprio per la mostruosità del progetto che Osama Bin Laden sarà l'unico “agente multiplo” a lasciarci la pelle. Poi toccherà a Saddam Hussein. Loro conoscono il segreto e lo porteranno nella tomba. Ma la catastrofe era già in atto il 10 settembre 2001, e troppe cose lasciano intravedere che l'11 settembre è servito anche a occultarla. Perché il modello della globalizzazione americana è fallito e non ci sono ricette alternative. Anzi ce n'è una: l'ha scritta il Financial Times qualche giorno dopo l'11 settembre. Ora dobbiamo diventare tutti, di nuovo, keynesiani. Ma keynesiani in tempo di guerra, con un intervento massiccio dello stato a sostegno dell'economia. Un intervento da tempi di guerra. Ecco perché c'è bisogno della guerra, di una guerra prolungata e generale. Ecco perché Henry Kissinger ha potuto scrivere recentemente (dopo l'11 settembre, s'intende) che, finalmente, si presenta all'Occidente la possibilità della costruzione di un nuovo ordine mondiale. Un nuovo ordine compiutamente imperiale.

Giulietto Chiesa – AVVENIMENTI – n.01/30.11.2001

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|