| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | |
ARSENALE |
| L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |


27 gennaio, giorno della memoria

provincia di Reggio Emilia
PALAZZO MAGNANI

MEMORIA DEI CAMPI
Fotografie dei campi di concentramento e di sterminio nazisti. 1933-2000



Dal 13 gennaio
al 10 marzo 2002

MEMORIA DEI CAMPI.
Fotografie dei campi di concentramento e di sterminio nazisti. 1933-2000
320 immagini che documentano una delle più grandi tragedie del Novecento.

obiettivi della mostra:
documentare;
analizzare il rapporto tra fotografia e l'universo dei campi (in mostra ci sono anche foto di propaganda naziste);
riflettere sulla genesi delle immagini, “interrogarsi sulle condizioni della loro realizzazione e sul loro utilizzo, nella ferma consapevolezza che sia meno grave rischiare di scuotere, di provocare uno choc, piuttosto che dimenticare.”

MEMORIA DEI CAMPI
Fotografie dei campi di concentramento e di stermino nazisti. 1933-2000
13 gennaio – 10 marzo 2002

Orari: 9-13; 15-19.
Chiuso il lunedì.

Il 27 gennaio 2002 la mostra rimarrà aperta dalle 9 alle 19.

Biglietti:
Euro 5 (£. 9.700) intero;
Euro 4 (£. 7.700) ridotto;
Euro 2 (£. 3.900) scuole.

Catalogo edito da Contrasto:
Euro 34 (£. 66.000) in mostra - Euro 46 (£. 90.000) in libreria;
Michael Kenna,
L’impossible oubli. Les camps nazis cinquante ans après, edizioni Marval, Euro 30
(£. 58.000).
Tutti e due i volumi: Euro 60 (£. 116.000)


Per informazioni e prenotazioni:
tel. 0522.454437 –
fax 0552452349

L'esposizione si divide in tre sezioni:

1) il periodo dei campi (1933-1945). 125 immagini, spesso drammatiche, molte delle quali poco note, presentate su due schermi, ed altre fotografie e documenti che consentono di ripercorrere la storia dei campi, dalla prima apertura nel 1933 alla liberazione nel 1945. Le immagini illustrano la storia e le diversità dell'universo dei campi di concentramento: in particolare, riguardano tutte le categorie di persone internate (ebrei, zingari, oppositori del regime, membri della resistenza, detenuti di diritto comune, omosessuali, testimoni di Geova, ecc.).

2) l'ora della liberazione (1945). 87 fotografie realizzate da fotoreporter professionali (Lee Miller, Margaret Bourke-White, George Rodger, Eric Schwab, Germaine Krull, ecc.), da ignoti amatori e da membri degli eserciti francese, inglese, americano, sovietico nel momento della liberazione dei campi.

3) il tempo della memoria (1945-2000). 99 fotografie che coprono il periodo dalla fine della guerra ai nostri giorni: i lavori di fotografi contemporanei sulla memoria della deportazione - i luoghi, i sopravvissuti, gli oggetti conservati nei campi, le immagini d'archivio riutilizzate. In particolare, in questa sezione vengono presentate 35 immagini che Michael Kenna ha realizzato nei campi nazisti dal 1988 ad oggi.

La mostra - curata da Pierre Bonhomme e Clément Chéroux - è coprodotta da quattro centri espositivi europei legati da rapporti di collaborazione: il Patrimoine Photographique di Parigi, Palazzo Magnani di Reggio Emilia, il Fotomuseum di Winterthur e il Museo Nazionale d'Arte della Catalogna di Barcellona. Già presentata a Parigi e Winterthur, la mostra, dopo Reggio Emilia, sarà a Barcellona e Ginevra (Museo della Croce Rossa), ultima tappa.
L'esposizione è accompagnata da un catalogo edito da Contrasto e dal volume “L’impossible oubli. Les camps nazis cinquante ans après” che raccoglie le fotografie di Michael Kenna.

Dal sito web:www.palazzomagnani.it


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|