BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |


GABRIELE

DI RABBIA

Tra i notiziari della mia mente alla ricerca di

una giusta frequenza sintonizzandomi ancora

con i canali che già conosco ed apprezzo...


DI RABBIA.


Grazie

per

Giulia

per

l'amore

lasciato

per le

mani

proposte

per il

viso

amato.



Siamo delle

vecchie sedie

ancora da

impagliare.



Forse

neppure

le parole

sanno

essere

di conforto,

le cose

sì.



Uomo

non

uomo

sto

soffrendo

dove

ti

promisi

di crescere.



Facce note

che mi

salutano

facce note

che mi

chiedono

dove sei!



Ti cerchiamo

per carezza

presenza

amore,

noi gatti

rossi neri

gatti randagi!



Nel mio

vuoto

non ricordo

ciò che

devono ancora

dare le mie

lacrime!



La terra e l'angoscia

madri non volute

lasciano solo sangue

lacrime per il buio perso

della libertà.



L'infinito prima

di nascere

l'infinito dopo

la morte.



Sento l'artigiano

che per dovere

adoperò questo legno.

Sento la stessa voglia

di creare per te

e per il legno.



Nadia per sempre

forse Giulia sarà

nel mare col sapore

degli ulivi e di morte

per sempre.



L' orgoglio

di passare

per tuo padre

che senza

aver conosciuto

stimo.



Più

te ne vai

più

ti cerchiamo!



Non sperare

nel mio

amore

credici!



Abbiamo solo

un nome

che da solo

non ci lascia

andare...



des

che il

nostro

amore

non finisca

mai

se non

cade

il sole.



Sulla bara

di mio padre

un pezzo

di terra

di Giulia.

Salutamela.

Gabriele

16.08.97



HO OLTREPASSATO IL COLLE DELL' INFINITO

leggendo e pensando Leopardi


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|