©
Foto Riccardo Perricone
Racconto di Giulia T.

GATTI


Birba è la mia gattina, ha solo quattro mesi. Mi è stata regalata dalla mia amica Grazia e allora non era altro che un batuffolo di pelo morbido che non si reggeva nemmeno sulle zampette. E’ molto vivace e, quando cerca di correre, inciampa sempre, e procede con un’andatura a ruzzoloni che la rende molto simpatica.

YANG

Ha due occhioni verdi, molto profondi e vispi che hanno una strana caratteristica: uno è contornato di nero, e l’altro di bianco. Il naso e’ rosa con una macchiolina nera, alle cui estremità si trovano i baffi, lunghi e sottili.

Il pelo assomiglia ad un arcobaleno di marroni, neri e bianchi: infatti non c’é un colore dominante.

La coda, anzi, meglio dire la codona, è lunga e grossa e molto spesso assomiglia a un’elica perchè la muove in senso orario, molto velocemente. Io e la mamma le facciamo spesso il bagno perché , quando va in giardino a giocare, si sporca tutta di terriccio umido. Anche se può apparire una gattina turbolenta, Birba è molto coccolona e affettuosa.

YANG



YIN



Quando vado a letto, si intrufola sotto le coperte e dopo aver annusato il lenzuolo e perlustrato il posto, si rannicchia e si addormenta, con le fusa che vanno a tutto spiano. Birba per me è una gattina davvero speciale, e non so cosa farei senza questa imitabile compagna di giochi!
Giulia T., prima media


TIGRE e MATTEO


FRATELLO e SORELLA

DAGO e MATTEO

PADRE, FIGLIA e MADRE




STORM

TIGRE

TIGRE 2