BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |


GIANNI PRIANO
in -viato

GENOVA 2004. LUCCIOLE, LANTERNE E CAPITALE


IL LAGACCIO



Ci sono, al Lagaccio, i divieti che vietano il gioco della palla. Mai visto giocare così tanta a palla: centrare, bersagliare serracinesche, sfiorare specchietti retrovisori di auto parcheggiate, mancare per un pelo gelosie (geoxie, ovvero persiane).

I figli degli ecuadoriani e quelli dei tunisini si mischiano ai discendenti dei compatrioti di Pelè e ai figli dei figli degli immigrati del meridione italiano, i cui cognomi dominano sui citofoni di Via del Lagaccio e delle limitrofe Via Bianchetti e Via del Cipresso.

Tira, dài, minchia, maricò, belìn, diobestia, camurria: sembra di averli in casa –nelle sere di quasi estate prima di cena- loro e il pallone. Hanno sei, dieci, quindici anni ma qualche volta anche venti o venticinque: un calcio bene assestato alla palla, una brevissima ovazione, qui dove il sole e il mare te li toglie un gigante di mattoni rossi, un blocco di cemento che dorme all’impiedi: il palazzo della Polizia.

C’era un altro gigante, un tempo, poco più in su: quello che dà il nome al quartiere.
Il Lagaccio, un mostro sordo e cieco (parente del palazzo di mattoni rossi?) che senza accorgersene mangiava bambini e ragazzini. Mostro artificiale, fatto costruire nella prima metà del XVI° secolo dal principe Andrea Doria per riempire le fontane della sua reggia, a Fasceu, in faccia al porto di Zena. E intanto che i putti servi del Potere se la pisciavano, i figli dei poveri annegavano nel lagaccio per scherzo e per gioco finchè il bacino non venne svuotato, trecento anni dopo, e –in seguito- democraticamente interrato.

Ci si gioca ancora, non più dentro ma sopra, e a palla: tanto per cambiare.

Punizione, rigore, rete. Un arbitro, le regole.Il campo di calcio del Lagaccio è abbastanza conosciuto, in città. E’ un bel campo. Peccato non vi siano le serracinesche, le gelosie, gli specchietti retrovisori che – invece- coriandolano l’aria dalle parti del palazzo poliziotto.



Gianni Priano


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|