BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |


GIANNI PRIANO

CINQUE POESIE RODIGIANE


E i vostri germani reali

toglieranno gli occhiali

sbucati dal gorgo sciacquando

il becco negli acini blu

del Moscato d'Amburgo.


*


Nient'altro che sabbia

da quel bagnasciuga di vigne

là dove il lume si accende

si spegne.


*


Ti brucia la gola quel vino

inferno infernetto fioretto

fiorino. Maurizio ti guarda

che cuci nel centro del petto

del cuore l'affetto, l'amore.


*


Fiorenza già sveglia di primo

mattino ciao bella, ciao

che devo scappare sui tetti

lasciarti il dolore, riempirmi

la bocca di terra e farci

crescere un fiore.


*


Narciso, mi dici, è quello

il nome preciso, tu

e i germani, le vele, il fiorino

la terra. Anch'io sono stata

alla scuola. E ho perduto

la guerra.



Gianni Priano



| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|