| BIBLIOTECA | EDICOLA |TEATRO | CINEMA | IL MUSEO | Il BAR DI MOE | LA CASA DELLA MUSICA | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | NOSTRI LUOGHI | ARSENALE | L'OSTERIA | IL PORTO DEI RAGAZZI | LA GATTERIA |



MUSICA
Intervista di Renato Tortarolo
IL SECOLO XIX – 23/03/2002

Il rock? Schiavo di MTV

Il rock? Schiavo di Mtv. L'orgoglio dei vecchi ribelli? Umiliato dall'ansia di vendere. Così Bruce Dickinson, leader della più prestigiosa band di heavy metal: gli inglesi Iron Maiden. L'atto di accusa, da parte di un gruppo che ha venduto oltre 50 milioni di album, arriva a pochi giorni dalla pubblicazione del doppio cd “Live at Rock in Rio”, registrato l'anno scorso a Rio De Janeiro durante un concerto per 250 mila persone. Due pre di musica serrata, in 19 successi.

Dickinson, cosa aggiunge un nuovo album dal vivo?

Nulla, se non la fotografia di un particolare momento artistico. Quando stai assieme da vent'anni, con alti e bassi, hai bisogno di raccontarti. E poi gli Iron Maiden volevano festeggiare il mio ritorno nella band.

Cosa si prova a suonare davanti a 250 mila persone?

Tanto da rifare un disco dal vivo a sei anni da “Live at Donington”: sembra passato un secolo. E' un emozione così forte che pubblicheremo anche un dvd dello show a Rio.

Sembra un'operazione commerciale.

Non più di tanto.Non siamo mai stati teneri con il marketing. Ancora oggi, quando ci offrono di fare più concerti, io chiedo sempre: perché mai? Cosa aggiunge alla nostra fama? Soldi? Non sono mai stati un problema. E allora perché dovrei girare il mondo, salire e scendere da pullman e aerei, e rinunciare alla mia tranquillità famigliare?

Perché le rockstar lo fanno.

Questo lo dice lei. Quando non sono sul palco, mi interesso di ben altro. Non c'è solo l'heavy metal, ma la poesia, la pittura, la storia. La sublime fascinazione degli uomini.

Ma quando di deve vendere dischi, ad esempio in America?

La terra promessa? E' solo un equivoco. Quando abbiamo iniziato, tutte le band inglesi guardavano agli Stati Uniti come a un miraggio. Non era poi così strano, perché all'epoca metà del mercato mondiale del disco ruotava sull'asse New York – Los Angeles.

Oggi cos'è cambiato?

Che l'America non vende più del 30% del mercato globale. Non ci crederà, ma gli Iron Maiden vendono ancora un milione di copie in Europa, e meno di 400 mila al di là dell'Atlantico. E siamo ancora fortunati: colleghi come i Def Leppard sono praticamente scomparsi, discograficamente, pur continuando a suonare anche nelle cittadine più decentrate degli States.

Cosa è successo?

Semplice, oggi non sei nessuno se non vieni trasmesso da MTV. Non conti se non ti vendi come un dentifricio, o se non fai vendere una saponetta. Qui in Europa è diverso. Le racconto un aneddoto: anni fa gli americani Van Halen vennero in tour come apripista degli inglesi Black Sabbath. Ma erano così bravi, che quelli li licenziarono. Bene, i Van Halen ripresero a suonare da soli, semplicemente per il passaparola del pubblico. In America, senza tv, un tam tam del genere sarebbe impensabile.

Però il sogno rock è nato lì.

Sì, ma tanto tempo fa. Oggi il pubblico è più attratto dal nostro pupazzo Eddie che dai nostri dischi. E' successo qualche settimana fa. C'era un concerto, m'invitano. Bene, di che parlo? Del suo pupazzo. Non della musica? No, c'interessa Eddie.

E Mtv cosa c'entra?

Va bene per vendere le scarpe della Nike, i jeans della Levi's, non la musica. Una volta chiedo: come mai non entriamo mai nelle colonne sonore dei grandi film di Hollywood? Perché non andate mai su Mtv. Sono rimasto di sale. Se Jimi Hendrix rinascesse, verrebbe a cercare fortuna in Europa.

E voi, sino ad oggi, come vi siete difesi?

Non dimenticando mai quello che diceva Mick Jagger dei Rolling Stones: “Abbiamo costruito una splendida macchina che ora però ci sta divorando”. E' stato lui a farci capire che se non vuoi essere sbranato dalla tigre devi diventare tu stesso una tigre.

Intervista di Renato Tortarolo – IL SECOLO XIX – 23/03/2002


| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|