| BIBLIOTECA | EDICOLA |TEATRO | CINEMA | IL MUSEO | Il BAR DI MOE | LA CASA DELLA MUSICA | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | NOSTRI LUOGHI | ARSENALE | L'OSTERIA | IL PORTO DEI RAGAZZI | LA GATTERIA |

CINEMA

Jolie, una poliziotta che seduce i killer

Los Angeles Dopo la seconda avventura dell'eroina dei videogiochi Lara Croft e dopo il drammatico "Beyond Borders", entrambi non andati troppo bene al botteghino, per Angelina Jolie è il momento del giallo.
È uscito anche in Italia "Identità violate", pellicola diretta da D. J. Caruso in cui l'attrice premio Oscar interpreta il ruolo di un agente dell'FBI che viene inviata a Montreal per investigare sul caso di un serial killer che assume l'identità delle sue vittime. Incontrerà un uomo (Ethan Hawke), l'unico sopravvissuto al killer e si troverà lei stessa in pericolo.

C'è qualcosa in comune fra questo serial killer e il mestiere dell'attore, non trova?

Certo, anche noi assumiamo l'identità del personaggio e più bravi siamo e più ci confondiamo con esso. Le dirò di più, anche il mestiere del poliziotto ha qualche cosa in comune con quello dell'attore. Il poliziotto va sulla scena del delitto ed inizia a pensare. Da come ha agito il killer costruisce la sua personalità. Il processo dell'attore è simile, studia il copione, studia il suo ruolo e ricostruisce la personalità del suo personaggio.

Nella pellicola ci sono scene di nudo.

Non ho alcun problema ad interpretare scene di nudo, l'importante è che siano funzionali al film. Non ho mai girato scene sexy prendendole come un obbligo da contratto, non le ho mai trovate imbarazzanti. Penso che il seno di una donna, sia il seno di una donna, non mi spaventa vederlo al cinema, non mi spaventa girare una scena a seno nudo, non è una gran cosa, insomma. E poi in questo caso era appropriato alla storia.

Come mai un giallo?

Mi ha affascinato la storia e mi ha affascinato il carattere della poliziotta che interpreto. Sono sempre incuriosita dai comportamenti umani e nel caso di una poliziotta il fascino è ancora maggiore. Una donna che per mestiere investiga lei stessa sul comportamento umano e che poi, inevitabilmente rimane coinvolta in prima persona.

Lei è un'attrice molto attiva, lo scorso anno ha girato quattro film e nella sua agenda che ne sono altri cinque in produzione. Non deve essere facile conciliare il suo lavoro con il fatto di essere madre e single.

Non è facile ma nel mio lavoro è possibile riuscire a gestire il proprio tempo. Io mi porto sempre Mad sul set, non penso che un figlio debba essere cresciuto da una baby sitter: la priorità è mio figlio, sono madre e lo sarò per tutta la vita. Per il momento riesco a conciliare le due cose senza sacrificare mio figlio.

E' vero che vorrebbe adottare un altro bambino?

Ci sto pensando. In questo sono sottoposta a valutazione da parte un'agenzia specializzata in adozioni, se tutto andrà bene, presto Maddox avrà un fratellino. Ho sempre pensato che quando il piccolo avesse iniziato la scuola e quindi fosse stato un pochino più indipendente, avrei portato a casa un altro bambino.

I tabloid le attribuiscono una storia d'amore per ogni film. Colin Farrell per "Alexander", Ethan Hawke per "Taking Lives".

Questa volta i cronisti hanno fatto di più. Pare che abbia frequentato praticamente tutto il cast, ed abbia ancora avuto tempo di girare il film!

Le danno fastidio tutte queste attenzioni?

Ormai ci ho fatto l'abitudine. E' il rovescio di una medaglia che comunque vale la pena possedere.

Ci può raccontare qualcosa dell'"Alexander" di Oliver Stone.

Non posso dire nulla se non che lavorare con Stone è stata un'esperienza fantastica, e che anche in questo caso mi sono state attribuite almeno un paio di love story.

E' vero che non farà un terzo Lara Croft?

Credo di no. Sono stata felice di fare i primi due. Il primo è stato faticoso ed entusiasmante perché era il primo, il secondo è stato più facile e quindi più divertente. Sento che non ho bisogno di farne un altro. Sarebbe sbagliato.

Intervista di Andrea Carugati – IL SECOLO XIX – 03/05/2004

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO | LA POESIA DEL FARO|