| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA |
| IL PORTO DEI RAGAZZI |

MAURIZIO MAGGIANI

IL SECOLO XIX – 01/06/2002

Oggi mi sento strano

Alé, ha vinto il Senegal. Partita inaugurale in galassia-visione, i campioni in carica fatti fuori da una squadra di baluba, mai messo piedi ai mondiali, mai avuto un paio di scarpette di ricambio. Che vergogna. Buon senso vorrebbe che per la partita di inizio, almeno quella, si fossero messi d'accordo, che anche a comprarla, con due soldi se la portavano via.

Sti negri, 'sti morti di fame, che vengono da noi a chiedere la carità e poi, se non rovinano i nostri ragazzi con la droga, gli fregano il posto nelle squadre di calcio che se li comprano con un tozzo di pane.

Avete visto che aveva ragione Le Pen? Via, fuori dal nostro calcio, a raccogliere pomodori e a insaccare maiali, che quello è il loro posto. Non a giocare a pallone, che poi imparano dai nostri allenatori venduti come si fa e invece di ringraziarti, appena possono, te lo mettono in quel posto. Ce l'hanno messo ai francesi, eccome. Che tutto sommato gli sta anche bene, superboni come sono, e fregagnoli. Si meritavano forse di portarlo via a noi l'ultimo mondiale?

E non è finita qui; con i negri voglio dire, che i francesi non si riprenderanno più, almeno finché si tengono questo governo. No, con i negri non finirà più ormai; prima o poi va a finire che li ritrovi anche a fare gli astronauti su Marte.

Il fatto è che non gliela si fa a tenerli a bada. Muoiono di fame come mosche, affogano a tribù intere davanti a tutte le coste d'Europa, a casa loro si sbudellano a centinaia di migliaia, crepano di Aids a milioni, quei depravati, ma ne rimangono sempre un sacco. E quelli che sopravvivono sono selezionati, capite? Si selezionano come gli animali e diventano resistenti a tutto. Fra un po' non avranno più nemmeno bisogno dei gommoni per venire a levarci il pane di bocca a noi, perché ce la faranno a nuoto. E qualche deficiente di sinistra li farà anche nuotare alle Olimpiadi e si cuccheranno le nostra medaglie.

Puoi provare a fargli di tutto, ma ne rimangono sempre un sacco. Sono tanti, milioni di milioni. E sono incazzati con noi. Perché poi, cosa gli abbiamo fatto? Che li vestiamo e li calziamo, gli mandiamo giù ogni ben di Dio, e spendiamo più per loro che per i nostri figli, ormai, che a volte arrivi alla fine del mese che non hai nemmeno da ricaricargli il telefonino. Ce l'hanno con noi e verranno a farcela pagare. E a quel punto non basterà più Le Pen. Perché la verità è che siamo diventati tutti dei rammolliti, altro che selezione!

Non si fa nemmeno più ginnastica nelle scuole, e, se uno, con tutta 'sta criminalità d'importazione che c'è, vuole premunirsi e tenersi qualcosa in casa per difendersi, con la burocrazia che ha messo su la sinistra, adesso passano degli anni.

Datemi retta, la partita di oggi è solo l'inizio, l'inizio della fine. E non è che ti può consolare tanto il fatto che con i negri l'Italia non ha mai perso. Fino a quando, mi chiedo, potremo pareggiare? Non dico vincere, ma almeno pareggiare? Mah! Speriamo almeno che questa legge nuova che fanno sugli immigrati, ci abbiano messo dentro anche qualcosa sul calcio. Per vedere di tutelarci un po' finché possiamo.

P.S. Miei cari amici lettori, oggi mi sento un po' strano. Forse ho mangiato qualcosa che mi ha fatto male, o, peggio, sono stato visitato da un demone. In ogni caso vi chiedo di riflettere su una cosa: quanti demoni oggi scorazzano per l'Europa, quanti posseduti l'hanno commentato nei bar e nei soggiorni Francia-Senegal in modo davvero un po' strano, senza sentirsi per niente strani?

Maurizio Maggiani – IL SECOLO XIX – 01/06/2002

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|