| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |


LE RICETTE di ELVI

La Ribollita

La ribollita è uno dei piatti che per un toscano fanno parte dei sapori e degli odori di casa, quelli che ti porti dentro per tutta la vita, con il ricordo delle persone che in qualche modo li hanno condivisi con te.
Era un piatto che non mancava mai nella settimana delle famiglie dei lavoratori, perché era sano e contenuto nel costo, inoltre permetteva di finire tutti gli avanzi di pane, riempiva molto e portava festa con la sua sinfonia di colori e odori.
Così le massaie ne preparavano quantità abbondanti perché, se il primo giorno era buona, il secondo, riscaldata piano con un filo d'olio, diventava una squisitezza.

Il nonno che non si era mai piegato a sedersi a tavola come i signori, se la mangiava sulla seggiola bassa, vicino al camino, in canto di foco come diceva lui, utilizzando a mo' di cucchiaio i circoli di una cipolla tagliata a metà e certo anche lui, nel mangiarla, ricordava i suoi tempi...

INGREDIENTI

500 g. di pane toscano raffermo
500 g. di fagioli cannellini
1 mazzetto piccolo di foglie di cavolo nero
1/4 di cavolo verza
1 mazzetto di bietola
1 porro
1 cipolla rossa
2 patate
2 carote
2 zucchine
1 gambo di sedano
salvia
rosmarino
aglio
timo
passata di pomodoro
olio extra vergine di oliva
sale e pepe


PREPARAZIONE

Mettere a bagno i fagioli per circa 12 ore e lessarli in abbondante acqua con un rametto di rosmarino, due o tre foglie di salvia e uno spicco di aglio. Alla loro cottura, tenerne da parte una metà e passare gli altri al setaccio.
In un'altra pentola fare rosolare un battuto di cipolla, sedano e carote nell'olio di oliva assieme a una fetta di cotenna di prosciutto toscano. Aggiungere il cavolo nero e via via tutte le altre verdure tagliate grossolanamente a pezzetti di due cm, facendole stufare piano piano. Alla fine, aggiungere il passato di pomodoro e il timo e tirare a cottura col brodo di fagioli, badando che il brodo risulti sempre abbondante.
Regolare di sale e pepe e fare cuocere a fuoco basso. Aggiungere i fagioli tenuti da parte e togliere dal fuoco.
A questo punto tagliare il pane a fettine sottili e in una ciotola capiente alternare pane e mestolate di brodo e verdure. Finire gli strati con la verdura. Lasciare che il tutto risulti brodoso.
Lasciare riposare e servire con un filo d'olio extra vergine d'oliva rigorosamente toscano.
A questo punto avrete ottenuto una quell'ottima zuppa detta di pane o di cavolo.
Per fare la ribollita bisogna aspettare il giorno dopo.
Allora si prende un tegame capiente, meglio se di coccio, e con un filo d'olio si fa “ribollire” la zuppa, mescolando delicatamente.

vino: un chianti classico o un rosso dei Palistorti di Valgiano.

| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|