| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |

Alfred Sisley (mostra)

Progetto dispersione
Classe 3B/3C Scuola Media 99/00
Istituto Comprensivo Gianni Rodari Rossano Veneto

| France Artistique | mostra scandalo | tavola rotonda | Degas | Renoir & Pissarro | Sisley & Monet |
|
quadri a confronto | lettera al Direttore | fotografi e pittori | pillole |



Abbiamo organizzato una tavola rotonda
tra i critici Dumar e Stefan, schierati
l'uno a favore e l'altro  decisamente contro la nuova corrente.
Il 22 Aprile scorso, davanti al folto
pubblico del
Café Guerbois, i due critici si sono incontrati.
Il dibattito si è subito acceso.

Alessandro Trevisan e Laura De Faveri



 Volo in pallone

Si avvisano gli appassionati che la prima settimana di giugno
dalle ore 9 alle ore 12
il signor Lebrune  metterà a disposizione della gentile clientela
il suo pallone aerostatico per dei voli sulla reggia di Versailles

costo  20 Franchi a persona

Non sono ammessi malati di cuore e le donne in dolce attesa.
Si raccomanda di spegnere il sigaro prima di salire a bordo

Volo in pallone

Moderatore: Ringrazio i presenti e prego i critici di intervenire rimanendo nei limiti di tempo prefissati. Diamo la parola al sig. Stefan, pregandolo di spiegarci cosa lo scandalizza tanto nei quadri degli impressionisti .
Sig. Stefan: Gli impressionisti non rispettano gli insegnamenti accademici, i loro dipinti non sono finiti, ma solo tentativi appena abbozzati. E' una vergogna presentare simili lavori e pretendere di chiamarli pittura!
( pubblico: E' vero, è una vergogna!)
Sig. Dumar: Sì, forse si può pensare che sia così, ma non si può continuare a rappresentare la natura in modo statico: la natura e la realtà cambiano in continuazione, perché l'uomo filtra ciò che vede attraverso se stesso. E oggi, nel secolo delle innovazioni tecnologiche, l'uomo ha occhi completamente diversi.         
Sig. Stefan: Sì... Le ombre sono colorate...sono blu, vero? Nella realtà sono grigie o nere e così devono essere dipinte!
Sig. Dumar: Certo, ci insegnano a vederle grigie o nere. Ma usiamo gli occhi, per piacere! Lei non ha mai visto sulla neve le ombre azzurre?  Nei quadri degli impressionisti le ombre sono colorate perché loro così le hanno viste. E se stiamo attenti, le vediamo anche noi. Se le ombre non fossero dipinte con i colori, non rispetterebbero il punto di vista dell'osservatore.
Sig. Stefan: Va bene, tralasciamo le ombre, prendiamo in esame le forme e le figure umane.  Sono poco dettagliate, fatte con poche pennellate: è per rispettare il modo di vedere di un miope? Oppure le forme non sono definite e non ci sono contorni perché i pittori impressionisti dipingono per rappresentare il modo di vedere di un ubriaco?
(Pubblico, tra grandi risate: Stefan, hai ragione, qui ci stanno prendendo in giro...)
Sig. Dumar: Ma come fate a non capire!  Loro non tracciano linee perché la linea non esiste, serve solo per bloccare la percezione della forma. Con il disegno non riuscirebbero a catturare la luce e il motivo è molto semplice: la luce del giorno non è sempre la stessa, cambia e quindi va colta nel momento, senza perder  tempo nel definire i particolari che cambiano in continuazione.

(Pubblico: Buffoni! Quando vi fa comodo dite che è per rendere il punto di vista, poi dite che è per la luce... andate a nascondervi invece di dar fastidio agli artisti seri! Buffoni, chi non sa dipingere è meglio che si dia all'ippica.)
Moderatore
: prego il pubblico di mantenere la calma e di non usare termini volgari. Siamo qui per sentire il punto di vista dei critici, non per offendere nessuno
Sig. Stefan: Il moderatore ha ragione, ma come fare a non concordare con il rispettabile pubblico? Nei dipinti degli impressionisti non c'è minima traccia di disegno prospettico, l'inquadratura è molto vaga e lascia  proprio a desiderare.
Sig. Dumar: Ma se l'inquadratura degli impressionisti è quanto hanno di più innovativo, ripreso dalle nuove tecniche fotografiche! Non si può accettare una simile miopia.
Sig. Stefan: Sì, ora bisogna accettare anche mezzi busti, mani che rimangono fuori dal quadro... è moderno! ( il pubblico ride) Ma parliamo di altro... Guardiamo Il soggetto: una banalità estrema! Non so come facciano a scegliere dei soggetti così privi di senso: la natura, i paesaggi... tutte cose che non lasciano un posto importante alla figura umana, che dovrebbe avere sempre il massimo risalto. Ma forse gli impressionisti preferiscono che i ritratti li facciano i loro amici fotografi...
Sig. Dumar: I pittori impressionisti sono liberi di rappresentare i soggetti che più gli piacciono, perché dipingono ciò che vogliono  a differenza degli accademici che sono obbligati a scegliere e a trattare il soggetto richiesto dal maestro e dal committente.
Sig.Stefan: E per finire, i loro soggetti sono facili da eseguire.
Sig. Dumar: Ti sbagli, gli impressionisti si sono impegnati molto nell'affinare la propria tecnica…
Pubblico: Tecnica? Ma ci state prendendo in giro. Basta!!!
Il resto della serata lo potete leggere sulla cronaca parigina di Le Figaro.



| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|