| BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA CASA DELLE TERRE LONTANE |
|
LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |

Alfred Sisley (mostra)

Progetto dispersione
Classe 3B/3C Scuola Media 99/00
Istituto Comprensivo Gianni Rodari Rossano Veneto

| France Artistique | mostra scandalo | tavola rotonda | Degas | Renoir & Pissarro | Sisley & Monet |
|
quadri a confronto | lettera al Direttore | fotografi e pittori | pillole |

Intervista a Degas


Edgar Degas sappiamo che è nato nel 1834 a Parigi da una famiglia particolarmente agiata, ci  parli del suo amore per l'arte: cosa l'ha spinta a fare il pittore?
Mio padre, di origine napoletana, è sempre stato un uomo colto che mi ha fatto conoscere dal vivo l'arte.
Quindi non mi ha ostacolato quando, a 18 anni, ho abbandonato gli studi classici per entrare all'École des Beaux - Arts. Ed ha continuato ad appoggiarmi anche quando, a 22 anni, mi sono recato in Italia per crescere nel particolare clima artistico di quel meraviglioso paese.

Cosa ha visto in Italia?

La Campania e, in particolare, Napoli, l'Umbria, la Toscana. E inoltre ho soggiornato per ben nove mesi a Roma.

Quali pittori l'hanno colpita di più?

Ho potuto apprezzare la pittura di Piero della Francesca, di Raffaello e Michelangelo.

Lei, a differenza degli altri impressionisti  dà molta importanza al disegno. Come mai?
La differenza che lei rileva credo sia dovuta alla mia accurata formazione accademica. Io  "preparo" il mio quadro e quindi il disegno è un momento molto importante per me. All'inizio mi sono particolarmente esercitato nello studio anatomico e ancora adesso amo disegnare e dipingere la figura umana. L'impressione colta nella pittura "en plein air"  è, a mio avviso, superficiale e riduttiva. Con il disegno posso cogliere anche ciò che non vedo più ma che mi è rimasto nella memoria.

Ma allora, cosa la accomuna agli altri pittori cosiddetti "impressionisti "con i quali lei ha un rapporto profondo di amicizia e collaborazione?
Come Monet e Renoir amo dipingere la natura, il paesaggio e scene di vita reale: le corse dei cavalli, le ballerine, le persone umili colte in qualche semplice momento di vita quotidiana.
Di questi temi (soggetti) voglio rendere il senso della precarietà, voglio rappresentarli secondo le impressioni che ho ricevuto, studiando il movimento delle figure nello spazio.
Riconosco inoltre l'importanza del colore, poiché mi permette di ricostruire l'atmosfera di ciò che voglio rappresentare.
Sono particolarmente attento al taglio dell'immagine e cerco punti di vista poco consueti per raffigurare i miei personaggi con immediatezza e spontaneità, come un fotografo che scatta un'istantanea.
Ecco, questo è tutto ciò che mi accomuna ai pittori della Società Anonima Cooperativa di Artisti
 
Ringraziamo ancora il sig. Degas per la sua  disponibilità e per il tempo che ci ha gentilmente concesso.

Genni Arsie e Alice Trevisan

 



 



| MOTORI DI RICERCA | UFFICIO INFORMAZIONI | LA POSTA | CHAT | SMS gratis | LINK TO LINK!
| LA CAPITANERIA DEL PORTO | Mailing List | Forum | Newsletter | Il libro degli ospiti | ARCHIVIO |
LA POESIA DEL FARO|