BIBLIOTECA | | EDICOLA | | TEATRO | | CINEMA | | IL MUSEO | | Il BAR DI MOE | | LA CASA DELLA MUSICA | | LA STANZA DELLE MANIFESTAZIONI | | | NOSTRI LUOGHI | | ARSENALE | | L'OSTERIA | | LA GATTERIA | | IL PORTO DEI RAGAZZI |


PINO SANSO'



Mare


Un timore e il richiamo
agave meravigliose
protese sulla pazienza degli scogli
per il gioco infinito del mare
io sono
le vele...
sempre qualcosa segna l'orizzonte
e oltre?
Il rumore della risacca
mi trascina
eppure non è il maelstrom
a ingorgarmi l'anima
in questa solitaria sera d'aprile.
Dischiuderò le tue foglie
ecco
catturerò gli abissi
per disperderli,
il fiore svetterà nel cielo
e tu
e tu mi avrai?
Laggiù, più in basso
dove rompono le onde sulla terra
il confine del mondo,
come radici
come aggrappati a questa roccia scura
non possiamo sapere
d'essere
soltanto.
Goccia a goccia
ci incontreremo e ancora e ancora
fino alla vastità del mare.

Pino Sansò