indice generale dell'unità | RICOSTRUZIONE DELLA VICENDA |CRONOLOGIA|TERMINOLOGIA PROCESSUALE|
|
LO STORICO RACCONTA LA VERA STORIA DI WALERJAN WRÖBEL
|



RICOSTRUZIONE DELLA VICENDA


ANNO SCOLASTICO 1996/97


CLASSE TERZA C

progetto prevenzione del disagio giovanile e della dispersione scolastica


“LA VERA STORIA DI WALERJAN WRÖBEL”


Relazione per l'esame di licenza

ricostruita dagli alunni

Tommaso Balletta, Massimiliano Brotto, Alberto Marchiori, Luca Trentin


insegnanti Marina Martini e Elvi Morchi, incaricata del progetto


Il 2 aprile 1925 nasce in Polonia WRÖBEL Walerian.
Vive tutta la sua infanzia in famiglia: all’età di sette anni comincia le scuole elementari e a quattordici anni è costretto a lasciare la scuola perché aveva superato il limite d’età.
Nel 1939, a causa della guerra tedesco - polacco, la sua casa viene distrutta.
Decide così di cercare lavoro in Germania e nell’ottobre dello stesso anno lo trova, grazie all’ufficio di collocamento nella fattoria della vedova N..
Il 25 aprile 1941 tenta la fuga, perché aveva nostalgia dei suoi familiari.
A causa di questa nostalgia pensa ad un piano: il 29 aprile WRÖBEL dà fuoco al fienile ma, nel tentativo di fuga, viene arrestato e consegnato agli agenti della Gestapo perché è slavo.
Il 30 aprile, per l’accaduto, Walerian viene interrogato ed ammette le sue colpe.
Viene allora rinviato a giudizio e processato dopo pochi giorni dopo.
Per questa infrazione della legge il tribunale emette la sentenza: condanna a morte.

La motivazione della sentenza indica in Walerian WRÖBEL un nemico del popolo tedesco che aveva operato per fiaccarne la resistenza.
Infatti le leggi promulgate da Hitler prevedevano la pena capitale per infrazioni di questo tipo, fatte da cittadini non tedeschi e Walerian WRÖBEL era polacco.
Inoltre una fattoria di tali dimensioni era considerata una riserva produttiva molto importante per il mantenimento dell’esercito in guerra e quindi il reato di Walerian WRÖBEL era considerato un atto di guerra.
Il ragazzo appare però fragile, debole, non molto intelligente.
Per questo la difesa avanza la domanda di grazia.
Nonostante la richiesta di grazia della difesa di WRÖBEL l’8 luglio 1942 il tribunale decide di confermare la sentenza di morte.
Dopo questa sentenza WRÖBEL viene incarcerato e il 24 agosto 1942 gli viene comunicato che il giorno successivo sarebbe stato giustiziato. Il giorno dopo alle 6.15 gli viene inflitta la pena. Il 28 agosto l’accaduto viene pubblicato sui manifesti affissi in tutta la città.