|Prerequisiti e Descrizione sintetica|Mete formative|fasi di lavoro|Formazione dei gruppi| Il libro|
|
Materiale gruppi doc. eterogenei|Materiale gruppi doc. archivio |LA VERA STORIA DI WALERJAN WRÖBEL|



Christoph U. Schminck-Gustavus
Mal di casa. Un ragazzo davanti ai giudici

Bollati Boringhieri, Torino, 1994


Genere: Saggi sulla deportazione
Note: con "Un ricordo" di Nuto Revelli. Traduzione di Francesca Lari

Walerjan Wröbel è uno degli oltre due milioni di polacchi deportati nel Reich come forza lavoro.
A sedici anni accetta di lasciare la Polonia per andare a lavorare in una fattoria vicino a Brema, come bracciante agricolo: vuole cercare di aiutare la famiglia che sta soffrendo la fame sotto l'occupazione nazista.
Ma è appena un ragazzo e mal sopporta di vivere lontano da casa.
Dopo pochi giorni tenta di fuggire. Riacciuffato e ricondotto dai suoi datori di lavoro, il 29 Aprile 1941 tenta di dare fuoco al fienile sperando di essere rispedito a casa per punizione.
Invece viene considerato un sabotatore della volontà di resistenza del popolo tedesco e viene giustiziato, anche se è minorenne, anche se i danni sono limitati, anche se ha aiutato a spegnere l'incendio, perché è Polacco.
Il 30 dicembre '41 è infatti promulgata una legge speciale di guerra, che prevede la pena di morte per qualsiasi delitto compiuto da ex polacchi (la cosiddetta Polenstrafrechtsverordnung) e questa legge viene applicata nel processo, retroattivamente, senza che nessuno si opponga a ciò.

I magistrati del processo Wröbel hanno continuato la loro carriera giuridica nella Germania del dopoguerra e si sono rifiutati di incontrare l'autore di questo libro.